1 vs 1 – Immobile contro Dabbur: semifinale e titolo di capocannoniere in un’unica (doppia) corsa

1 vs 1 – Immobile contro Dabbur: semifinale e titolo di capocannoniere in un’unica (doppia) corsa

Ecco la nostra rubrica che descrive le partite della Lazio attraverso i duelli sul rettangolo di gioco.

di redazionecittaceleste

 

di Lorenzo Ottaviani

 

ROMA – Una partita di calcio è una storia. Un racconto costituito da colpi di scena, epiloghi a volte inspiegabili e situazioni complesse, analizzabili da vari punti di vista che spesso non mettono d’accordo tutti. Ma soprattutto, è composta da personaggi: i protagonisti che attraverso le loro azioni – positive o negative che siano – danno forma alla storia, la rendono interessante e a volte addirittura epica. Quando il gioco si fa duro, sappiamo bene chi è che deve iniziare a giocare. I duri? Forse. I bomber? Parlando di calcio questa è una risposta decisamente più adeguata. L’Europa League è una competizione lunga e logorante, snervante se si pensa al gran numero di partite che bisogna affrontare per raggiungerne le fasi cruciali. Addirittura viene considerata da alcuni un ostacolo per un buon cammino in campionato. Mister Inzaghi dal canto suo l’ha sempre pensata diversamente: “Abbiamo fatto di tutto per tornare in Europa, vogliamo onorare la competizione”, queste le parole pronunciate dal tecnico solo nella giornata di ieri. L’ennesima conferma che si vuole fare sul serio. Per questo in campo andrà l’artiglieria pesante: Ciro Immobile per la Lazio, Munas Dabbur per il Salisburgo.

 

PROVA A PRENDERMI

Lazio, l'esultanza di Ciro Immobile

Non lo ferma più nessuno. Ciro Immobile ha una media realizzativa impressionante, al livello dei più grandi attaccanti del Vecchio Continente. In piena competizione per la Scarpa d’Oro e attualmente re dei gol in Serie A, il titolare della Nazionale azzurra non si accontenta e punta anche la vetta della classifica dei cannonieri in Europa League. Al momento sono 6 i gol segnati da lui in 7 partite, che si aggiungono agli altri 30 siglati in stagione: fa 36, un numero impressionante. Contro il Benevento ne ha fatti due, quando si troverà davanti la difesa del Salisburgo non vorrà essere da meno. Tutti sanno, lui in primis, che la Lazio non può prescindere da lui. Ciro il Grande è pronto a tracciare la via, ma non sarà l’unico in campo a voler iscrivere il suo nome sul tabellino.

 

DABBUR DI NAZARETH

Dabbur, attaccante israeliano del Salisburgo

Insieme a Valon Berisha rappresenta l’uomo più temibile degli ospiti austriaci. Munas Dabbur e il kosovaro infatti hanno siglato 4 reti a testa nella competizione europea, trascinando il club della Red Bull ai quarti di finale. La differenza la fanno i numeri in patria, con il centravanti israeliano che è stato capace di gonfiare la reta avversaria ben 17 volte in 23 partite. Numeri ottimi, che sembrano meno significativi solo perché messi a paragone con quelli del bomber di Torre Annunziata. Il numero 9 degli austriaci ha buone capacità di tiro e di sponda, inoltre non è un centravanti statico ma gli piace svariare, proprio come l’attaccante ex-Torino. Le orecchie sono tese, gli occhi aperti. Il quarto di finale è alle porte, la fine della competizione (e con essa la gloria) sempre più vicina.

 

 

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

LE ULTIME DA FORMELLO

LE PAROLE DI INZAGHI IN CONFERENZA

Seguici anche su Facebook!

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy