ABBONAMENTI – Prevista una proroga, a rilento l’esordio con il Bologna

ABBONAMENTI – Prevista una proroga, a rilento l’esordio con il Bologna

La campagna abbonamenti proseguirà, vendita fiacca per l’esordio in campionato contro il Bologna a causa dell’effetto Champions

Commenta per primo!
slitta

ROMA – La campagna abbonamenti della Lazio si concluderà venerdì, ma la società capitolina ha gà previsto una proroga. Fino ad ora la quota si è fermata a 10000 tessere sottoscritte, mentre prosegue a rilento la vendita dei tagliandi per Lazio-Bologna, prima sfida di campionato, che ha risentito molto dell’effetto Champions League.

VENDITA FIACCA – Ecco le parole del responsabile marketing della Lazio, Marco Canigiani alla radio ufficiale: “Domani chiuderà la campagna abbonamenti ma sicuramente ci sarà una proroga. Questa sarà una chiusura momentanea per permettere la vendita del singolo biglietto per la gara di Sabato. Ricordiamo che c’è anche la possibilità di sottoscrivere l’abbonamento online. Come dato abbiamo superato quota 10 mila abbonati, con la proroga siamo certi che questo dato crescerà.
Per Lazio-Bologna la vendita prosegue a rilento, abbiamo superato quota 3 mila, ci aspettiamo qualcosa in più. Per chi può, consiglio di non acquistare il tagliando il giorno della gara, in modo da non incorrere in lunghe code ma premunirsi prima del tagliando attraverso la vendita online o presso le molte ricevitorie abilitate”. Lo scorso anno la società capitolina aveva chiuso la sua campagna abbonamenti con 17800 tessere sottoscritte, ne mancano all’appello circa 8000 per ripetere il risultato dello scorso anno. Mentre la vendita fiacca dei tagliandi contro il Bologna risente anche dell’effetto Champions: i tifosi della Lazio hanno preferito riempire l’Olimpico contro il Bayer, effetto positivo visto il risultato finale. Anche a Leverkusen ci saranno oltre 1100 laziali pronti a sospingere la Lazio verso il sogno Champions

lazio,cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy