Attentato a Londra e caos a Torino: gli aggiornamenti

Attentato a Londra e caos a Torino: gli aggiornamenti

Ecco le ultime sugli avvenimenti della scorsa notte

londra-attentato

ROMA – Nella notte di ieri sera, l’attentato di Londra e il caos generato a Torino da un falso allarme hanno causato paura e sgomento. Da quel momento in poi, sono seguiti diversi aggiornamenti sui fatti e sulle vittime.

ATTENTATO A LONDRA

Tre uomini, armati di coltello, hanno prima seminato il panico investendo con un furgone diverse persone su London Bridge, per poi scendere e accoltellare i passanti. I tre si sono poi spostati  nella zona di Borough Market, continuando ad aggredire persone, fino a che non sono stati uccisi dalla polizia. Il bilancio attuale delle vittime è di 7 morti e 48 feriti.

La premier britannica Theresa May, a riguardo, ha detto: “Questo è il terzo attacco in tre mesi in Gran Bretagna. Gli attacchi non sono collegati ma siamo di fronte a un nuovo trend: il terrorismo chiama il terrorismo e gli assalitori vengono ispirati da altri assalitori. Quando è troppo è troppo. Le cose devono cambiare”.

La Regina Elisabetta ha pregato per le vittime e per i feriti durante la messa domenicale a Windosr.

Sadiq Khan, sindaco di Londra, ha detto: “I terroristi hanno in odio la nostra democrazia. Giovedì dobbiamo andare a votare per difendere la civiltà, i diritti umani e la democrazia”. Le campagne elettorali di Tories e Labour sono state sospese.

CAOS A TORINO

La procura è al lavoro per capire le dinamiche di quanto accaduto ieri sera, a Torino, in piazza San Carlo, dove i tifosi si erano radunati per assistere alla finale di Champions League. Il questore di Torino, Angelo Sanna, ha parlato di un petardo, “forse fatto esplodere in modo incosciente, ha scatenato il panico”. Poi la gente ha iniziato a scappare, ed è la ringhiera di una scala del parcheggio sotterraneo. Tutta la piazza è stata presa dal panico, e tra la calca generale sono rimaste ferite 1527 persone, stando alle ultime notizie. Tre di queste, tra cui un bambino, sono state ricoverate in codice rosso.

La procura, con una nota ufficiale, ha parlato di “folla presa dal panico e dalla psicosi da attentato terroristico”. Un anziano tifoso della Juventus, che ieri sera era in piazza San Carlo a seguire la sua squadra, ha detto: “Sembrava di stare all’Heysel”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy