Baluardo Radu, il difensore giura amore eterno alla Lazio: “Resto fino a 41 anni”

Baluardo Radu, il difensore giura amore eterno alla Lazio: “Resto fino a 41 anni”

Sette partite su sette giocate in campionato, unico superstite tra tutti gli infortunati: il rumeno sta vivendo un gran periodo di forma

di Leonardo Mazzeo

ROMA – Come il vino buono, che col tempo migliora; come le grandi storie d’amore, che durano anni; come tutto quello che di bello può esserci, nel mondo del calcio: Stefan Radu, dopo la sua settima presenza consecutiva in campionato, ha sentenziato: “Voglio entrare nella top 10 dei calciatori della Lazio con più presenze”. Al momento, l’obiettivo non è poi così distante: solo 4 gettoni lo dividono dall’ex portiere biancoceleste Idilio Cei, fermo a quota 287. Un obiettivo raggiungibile, soprattutto se Radu continuerà con questi ritmi.

lazio-juve-radu-dybala

CONTINUITA’ E CARISMA

Radu vuole entrare nella storia della Lazio, quindi, ma sicuramente un suo spazio negli annali biancocelesti se lo è già conquistato: è nella Capitale dal 2007, ormai sono passati dieci anni. Convocato ma non in campo nella finale di Coppa Italia del 2009, titolare in quella del 2013. Un elemento fondamentale, sia in campo che nello spogliatoio: non a caso, Inzaghi inizialmente aveva scelto lui come capitano. In campo ci mette tutta la grinta possibile, e nelle ultime settimane è stato l’unico sopravvissuto in una difesa falcidiata dagli infortuni. Caduti gli altri, lui è rimasto in piedi, da solo, a guidare i più giovani. E i risultati si sono visti sul campo.

radu_getty

FUTURO DI FERRO

“Fino a 41 anni resterò alla Lazio”: ipse dixit, al termine della stessa intervista dove manifestava la voglia di voler entrare nella top 10. Una doppia dichiarazione d’amore, una promessa di fedeltà incondizionata: Radu resta. Dieci anni sono passati, altri dieci ne passeranno. Il difensore rumeno ne deve ancora compierne 30, e in queste ultime apparizioni ha dimostrato di essere in forma, reggendo il carico dei minuti in campo senza troppi problemi. Ad oggi, Radu resta l’unico mancino nella difesa a tre disegnata da Inzaghi: un altro punto a favore del rumeno, che vuole continuare in questo modo e ha fissato l’obiettivo. La top 10 biancoceleste è lì a pochi passi, la stagione è ancora lunga. E la sua Lazio ora sogna in grande: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy