BAY-LAZ, CHAMPIONS – Klose: “Bayer giovane e brillante. Nulla è ancora deciso, ma noi siamo pronti”

BAY-LAZ, CHAMPIONS – Klose: “Bayer giovane e brillante. Nulla è ancora deciso, ma noi siamo pronti”

“Noi, abbiamo preparato il match nel migliore dei modi”

Klose_Cap
AGGIORNAMENTO ORE 13.49 – A proposito del match di questa sera, Miro Klose ha detto la sua parlando all’Express. “Il Bayer è una squadra giovane e brillante – dice – e anche se all’andata abbiamo vinto, nulla è ancora sicuro. Noi, abbiamo preparato il match nel migliore dei modi. Cori offensivi dei tifosi Laziali ai giocatori del Bayer? Atteggiamenti del genere non c’entrano nulla col calcio”. 
ROMA, BAY-LAZ – Le tribune a precipizio sul campo, 32 mila posti a sedere, la copertura, persino un albergo sistemato dietro la curva. Camere da duecento euro a notte e un freddo quasi autunnale nella terra dell’Aspirina. Stadio modernissimo – riporta il Corriere dello Sport –  un gioiello intorno a cui si sviluppa, sulla riva destra del Reno, una città resa famosa dalla casa farmaceutica della Bayer, regina madre della Polisportiva nata nel 1904. Qui sono abituati alla Champions. Nella scorsa primavera persino l’Atletico Madrid si è dovuto inchinare ai tedeschi, quarta forza della Bundesliga: sconfitta per 1-0 e risultato ribaltato ai rigori da Simeone nel ritorno al Calderon. Sette vittorie consecutive nelle ultime sette alla Bay Arena e un solo gol incassato, con l’Hoffenheim, nel giorno di Ferragosto, alla prima giornata di campionato.
TIFOSI. Roger Schmidt, l’ex mago del Salisburgo di cui Guardiola aveva parlato a Pioli, sorrideva con un filo di tensione. Ha blindato gli allenamenti, mosse segrete, spavalderia dialettica per nascondere qualche timore. Non si fida della Lazio. I tedeschi sono convinti di poter ribaltare il risultato, eppure non confessano dei timori palpabili, quasi evidenti. Hanno paura di prendere un altro gol in contropiede e allora la rimonta diventerebbe proibitiva. Ci crede la Lazio, assistita da quasi duemila tifosi in arrivo da Roma e sistemati tra Dusseldorf e Colonia, distanti pochi chilometri. Pioli ha perso anche Biglia, ma partirà con il gol di vantaggio realizzato da Keita all’Olimpico. Si giocherà in una bolgia. Ventottomila biglietti venduti, stadio esaurito, seicento posti lasciati liberi per motivi di sicurezza. «E’ prevista una fan zone. Non è una partita a rischio, ma solo una partita importante» ha avvertito il responsabile della comunicazione del Bayer Leverkusen, allentando la tensione. «Seguiremo la stessa procedura nei controlli prevista per gli impegni di Bundesliga». L’Uefa, come al solito, terrà gli occhi aperti sui tifosi della Lazio. Le trasferte di Europa League a Stoccarda e Mönchengladbach nell’inverno 2013 non filarono via lisce. PRECEDENTI. Si gioca tanto la squadra del ds Rudi Völler, ex centravanti della Roma. Scendere in Europa League dopo due anni sarebbe una delusione. La Lazio, invece, prova a tornare in Champions dopo otto anni e per la seconda volta sotto la gestione Lotito. La prima e unica risale al 2007, quando Rossi eliminò la Dinamo Bucarest, vincendo 3-1 in Romania dopo il pareggio dell’Olimpico. Ai preliminari, in precedenza, si erano imposte la Lazio di Zoff (2001) piegando l’Fc Copenaghen e la Lazio di Mancini (2003) piegando il Benfica. Servirà un’impresa tipo quella firmata da Eriksson a Stamford Bridge con il Chelsea nel Duemila, due mesi prima dello scudetto. CONFINE. Questa è un’altra Lazio, decisamente meno ricca, ma proiettata verso il futuro, piena di giovani e di belle speranze. Novanta minuti, dopo un anno di sudore e di applausi, dividono il gruppo di Pioli dalla gloria. L’ultimo sforzo per trasformare il terzo posto in Champions. Trenta milioni di euro in cassa, non solo prestigio. Soldi, ricavi veri, la possibilità di dare una dimensione diversa al nuovo ciclo avviato dalla società, spesso contestata dai tifosi per il mancato salto di qualità. La crescita economica consentirebbe di alzare il monte-stipendi, garantirebbe un palcoscenico più affascinante per diversi giocatori (da Felipe Anderson a De Vrij, passando per Candreva e Biglia) allungando la vita di un gruppo che sta facendo divertire il popolo biancoceleste. Oggi, anche in caso di eliminazione, non sono previste cessioni eccellenti, ma tanto tornerebbe in discussione l’estate prossima senza poter ascoltare la musichetta della Champions. Siamo al confine tra il limbo e un sogno. Ecco perché Lotito, undici anni dopo il suo ingresso nel calcio, si gioca tutto in una notte.  
Cittaceleste.it

—————————————————————————————————————

Segui il live di Cittaceleste.it. In occasione di ogni gara un ampio pre partita e post gara con le voci dei protagonisti, la radiocronaca dallo Stadio Olimpico, foto, video, articoli. Tutto quanto per raccontarvi ogni partita della Lazio. Ma non solo! Ricorda bene: dal Lunedì al Venerdì, Cittaceleste FM sugli 88.100 a partire dal 24 Agosto, dalle ore 17.30 alle ore 19.30, e Cittaceleste TV con IO TIFO LAZIO già in onda, dalle 21.00 alle 23.00. Canale 669 del DGTV, ElleRadio 88.100 FM, WebTV qui su Cittaceleste.it e su dailymotion.com/cittaceleste. Tutto questo, per offrirti la massima copertura su ogni evento targato SSLazio. Dalla Champions League ai match di campionato. Dalla Coppa Italia a tutto il LIVE direttamente da Formello. Cittaceleste.it accende la tua voglia di LAZIO!

—————————————————————————————————————

lazio,cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy