Capolavoro Lazio! Sassuolo annientato, show di Luis Alberto

Capolavoro Lazio! Sassuolo annientato, show di Luis Alberto

I biancocelesti vincono e convincono: 6-1 contro i neroverdi, secondo tempo da incorniciare

ROMA – Ultima tappa del ciclo di fuoco, Luis Alberto accende una luca che contro il Sassuolo sembrava spenta, nel primo tempo: lo spagnolo è stato autore di una partita sontuosa, con due gol e un assist. E tante giocate, dribbling e movimenti azzeccati. E’ stato lui a fare la differenza, contro i neroverdi. Decisivo anche Marco Parolo, che con una doppietta chiude a doppia mandata la partita.

Inzaghi-lazio

PRIMO TEMPO

Nelle prime battute di gioco, i ragazzi di Inzaghi sono apparsi più distratti e meno convinti del solito: qualche giocata sbagliata, passaggi imprecisi, palloni persi. La prima occasione per gli ospiti è sui piedi di Sensi, che viene pescato liberissimo in area da un bel passaggio di Lirola, imbeccato a sua volta da Berardi: il centrocampista tira, ma non centra la porta. La Lazio fa fatica a creare gioco, perde contrasti, il Sassuolo sembra più in palla. E al minuto 26′, il calcio di rigore: de Vrij atterra Matri in area, Berardi va sul dischetto e spiazza Strakosha. Pochi minuti dopo, il numero 25 ha un’altra occasione, ma il suo tiro esce debole. Lazio in difficoltà, gli ospiti spingono ancora e sfiorano il raddoppio con Ducan, imbeccato da uno scatenato Berardi: Strakosha salva la porta con un intervento provvidenziale. Al 36′, si vede finalmente la Lazio: l’occasione per il pari è sulla testa di Immobile, che da buona posizione non centra la porta. I biancocelesti spingono: Lulic, servito in area da Parolo, ha la chance di pareggiare ma il suo destro debole esce poco distante dal palo. Poi, allo scadere del primo tempo, Luis Alberto sale in cattedra: calcio di punizione dal limite, va lo spagnolo che disegna una traiettoria perfetta. Il pallone si infila sotto l’incrocio dei pali, niente da fare per consigli. Si va al riposo sul risultato di 1-1.

Luis Alberto-Lazio

SECONDO TEMPO

E’ un’altra Lazio quella che entra in campo nella ripresa: i ragazzi di Inzaghi, nei primi dieci minuti, schiacciano il Sassuolo nella sua area di rigori e cercano più volte la via del gol (soprattutto con Immobile), ma senza fortuna. Alla fine, dopo l’assedio, arriva il gol da calcio d’angolo: pennellata di Luis Alberto sulla testa di de Vrij, che insacca e fa 2-1. La Lazio ormai ha carburato, Consigli in uscita riesce a fermare Immobile lanciato a rete ma serve Luis Alberto: dribbling secco, palla scaraventata nella porta sguarnita. Il quarto gol, poi, lo mette a segno Marco Parolo, approfittando di una pallone vagante nell’area avversaria. Lo stesso Parolo cala il pokerissimo, dopo l’ennesimo attacco di una Lazio inarrestabile. Sassuolo in totale balia dei biancocelesti, che sembrano la versione ottimizzata della squadra spenta del primo tempo. Ma i biancocelesti non si fermano, e al minuto 81′ Immobile conquista un calcio di rigore. Il numero 17 va sul dischetto e batte Consigli: 6-1 per la Lazio. Nei minuti finali succede poco o nulla, Maresca fischia la fine: 6-1 per la Lazio. Una vittoria altisonante dei biancocelesti, condita anche dall’esordio di Nani, che subentra a Luis Alberto sotto una pioggia di applausi. La Lazio continua a volare sulle ali dell’entusiasmo e non ha nessuna intenzione di atterrare.

Cittaceleste.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy