Ciro l’indispensabile: Inzaghi spera di riavere il suo bomber. E Nani si scalda…

Ciro l’indispensabile: Inzaghi spera di riavere il suo bomber. E Nani si scalda…

Immobile proverà ad esserci, ma il portoghese è pronto a sostituirlo: il mister studia le alternative

di Leonardo Mazzeo

ROMA – 14 gol in 11 partite, capocannoniere della Serie A: nessun allenatore vorrebbe rinunciare a uno come lui. Figurarsi Simone Inzaghi, che se lo gode dall’inizio della stagione. Ciro Immobile non è stato convocato per la sfida contro il Nizza a causa di un affaticamento muscolare e la sua presenza in campo contro l’Udinese non è sicura al 100%. Inzaghi studia le alternative, nella speranza di recuperarlo.

Immobile

FIDUCIA

“Immobile? Ieri ha fatto un allenamento discreto, valuteremo oggi, c’è fiducia”, ha detto Inzaghi in conferenza stampa. Secondo quanto riportato oggi da Gianlucadimarzio.com, il giocatore dovrebbe essere regolarmente in campo dal primo minuto domani. Un suo recupero sarebbe di fondamentale importanza: è lui il perno offensivo della squadra, il finalizzatore, (quasi) sempre lui che chiude l’azione. Il mister, poi, ha sottolineato: “Immobile è un professionista esemplare, perciò si sa gestire al meglio e conosce il proprio corpo. In questi due anni ha saltato solamente una partita per squalifica, domani speriamo di poterlo vedere in campo e poi al centro dell’attacco della Nazionale per andare ai Mondiali”. Una speranza per lui, una speranza per Ventura, che lo ha inserito tra i convocati: Lazio o Nazionale, c’è poca differenza. Tutti avrebbero bisogno di un Ciro Immobile in più.

Nani

ALTERNATIVE

Nani come sostituto di Immobile? Nani può fare tutto, ma non è l’unica soluzione per l’attacco. Se dovesse sostituire Immobile non avrebbe alcun problema vista l’esperienza e le caratteristiche. Anche senza Immobile il nostro sistema di gioco non cambia, anche se dovrò studiare qualcosa di alternativo”. E’ il portoghese il primo che potrebbe essere chiamato in causa, quindi, se Ciro dovesse dare forfait.  Di sicuro non ci sarà Caicedo: l’ecuadoriano dovrà restare fuori almeno 2/3 settimane. C’è anche il recuperato Palombi, che comunque al momento appare indietro nelle gerarchie del mister. Nani, invece, è pronto per vestire i panni della prima punta atipica: esperienza, tecnica, rapidità. L’ex Valencia è già andato in gol e vuole continuare il suo periodo positivo. Vedremo se Immobile recupererà. Con o senza di lui, comunque, la Lazio dovrà stare attenta a un’Udinese agguerrita: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy