Colonnese: “Lazio meritatamente vicina al primo posto, Inzaghi simile ad Eriksson”

Colonnese: “Lazio meritatamente vicina al primo posto, Inzaghi simile ad Eriksson”

Ecco le sue parole

ROMA Francesco Colonnese, intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, ha detto: “Sicuramente la Lazio è partita bene, e si trova meritatamente a lottare per la prima posizione. Complimenti alla squadra, che sta facendo un ottimo campionato”.

Poi, sulla difesa: “Inzaghi ha trovato un modulo giusto, con una difesa che riesce ad essere compatta ed aggressiva. Una difesa a 3 composta da Bastos e Radu che sono i due marcatori con de Vrij al centro. Funziona bene, perché cambiare?”.

Sul confronto Inzaghi-Eriksson, ha detto: “Vedo delle analogie, sono due persone simili. Sono entrambi molto disponibili i con calciatori, ma quando c’è da farsi rispettare si fanno rispettare. Dal punto di vista tattico qualcosa cambia, ma non la metodologia di lavoro. Inzaghi è stato allenato da Eriksson e qualcosa avrà ‘rubato’ da lui”.

Su Peruzzi: “Peruzzi è un campione, è stato uno dei portieri più forti che c’è stato in Italia negli ultimi tempi. Aveva un fisico possente, ma era tranquillo. Quando alzava la voce qualcosa non andava e si capiva che si erano superati i limiti. Credo che alla Lazio faccia lo stesso lavoro oggi. Conosce tutto, tutti e l’ambiente. Inzaghi sono convinto che si rivolga a lui per varie cose. Lui è perfetto per il clima di Roma: una città dove si passa da grandi momenti di esaltazione a grandi momenti grigi”

Sui possibili miglioramenti, ha detto: “La Lazio deve migliorare a livello di testa. Ci sono tanti giocatori bravi, ma non bisogna cambiare rendimento e motivazioni. Contro la Spal meritava di vincere, contro il Napoli stava facendo una partita straordinaria fino agli infortuni. Poi hanno dovuto stravolgere il modulo”.

Sull’ambiente unito: “Peruzzi ha una casa fantastica, si cenava con la cacciagione e si andava a caccia. Si mangiava bene e c’era buon vino. Anche coloro che giocavano meno si sentivano dentro il gruppo. Coloro che giocano meno sono molto importanti. A volte non ci si pensa. Ma i giocatori non protagonisti che però si allenano come e quanto gli altri possono diventare l’arma in più se motivati a scendere in campo”

Su Inzaghi, in particolare: “Inzaghi e Peruzzi vivono da tanti anni a Roma, entrambi conosco le situazioni della piazza. Amano la Lazio alla follia e danno il meglio di loro stessi in questo ambiente. L’ambiente di Roma si cuce perfettamente ad Inzaghi. Ama troppo Roma e l’ambiente. Simone lavora serenamente e ha la famiglia vicino, questo fa la differenza nel calcio. Non so se in un’altra pizza riuscirebbe a fare altrettanto bene”

Poi, su Immobile: “A Roma si sta bene, l’ambiente è bello. Immobile aveva bisogno di un affetto simile a quello di Napoli e alla Lazio l’ha trovato, con i tifosi che ti fanno sentire importante. Inzaghi gli ha trovato un ruolo che lo rende devastante, perché dovrebbe andare via?  La Lazio è una squadra che può lottare per la Champions o forse lo scudetto, questo lo dirà il tempo”

Infine, sulla sua amicizia con Inzaghi e Peruzzi: “Ci sentiamo spesso con Inzaghi e Peruzzi, sono contento per quello che stanno facendo. Lo meritano perché sono preparati e non si esaltano. Ho giocato insieme a loro per anni, sono persone di grande umanità. Un ambiente come questo della Lazio li esalta. E le persone che sono vicine gli danno positività intorno, la meritano”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy