Difesa sempre più incontinente: mi scappa la Pipita!

Difesa sempre più incontinente: mi scappa la Pipita!

ROMA – Mi scappa la Pipita, papà Lotito. Perché è incontinente la difesa biancoceleste. Costruita male in estate, rinforzata peggio in questo mercato invernale. Ma secondo te, caro Claudione, si può fermare mister 22 gol in 22 giornate con la coppia Mauricio-Hoedt? Disastri uno dietro l’altro. E pensare che Higuain aveva pure graziato Basta, dopo un errore allucinante dopo 7’. Marchetti salva tutto, ma nemmeno porta fortuna: rientra e la Lazio perde di nuovo, ottavo ko con lui in campo in questo campionato. Ma non è mica colpa sua: nemmeno il sale lanciato sull’erba da Manzini può far nulla contro la lava partenopea. Che squaglia gli uomini di Pioli e persino i cori razzisti (persino banali sul Vesuvio) sugli spalti.

INFORTUNIO – Succede tutto in un tempo, come al solito, la ripresa è un puro optional. Anche perché la partita finisce quando s’arrende Candreva. Che ormai esce pure dopo un pizzico alla caviglia: sul 2-0, al 39’, s’accascia a terra e chiede il cambio. Ci prova, ci riprova per mezz’ora. Crossa, ricrossa, nulla. Poi si rassegna e forse va via per disperazione. Per evitare pure un’altra figuraccia all’Olimpico, salta in cielo e cade male in un innocuo contrasto. Distorsione, nemmeno si fa visitare dai medici a bordocampo, è più forte il dolore di un’altra sconfitta. E pensare che proprio un gol al Napoli aveva trasformato la sua vita biancoceleste, con un’esultanza sotto la Nord. Ora si gira verso la Curva e non trova più nulla. Così cadono le motivazioni, così la sfida partenopea potrebbe segnare un’altra svolta della sua carriera. Anzi, stavolta un taglio netto.

FANTASMI – Buio già tre giorni prima della sfida sotto la Lanterna. Non basterà nemmeno accendere Lulic col Genoa. Senad è il più pimpante e volenteroso, ma la mira non è mai stata il suo forte. Eppure, del bosniaco, l’unico tiro fuori dallo specchio. Suo anche il rigore reclamato nel secondo tempo, dopo un assist perfetto di Felipe. Anderson sempre fantasma di se stesso, ma che dire allora di Parolo e del “Mito” Klose. Stendiamo un velo di omertà, anzi con una “misera” parata zittisce tutti Reina…

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy