Giovanissimi fascia B elite – Il tecnico Girini: “Grazie ragazzi! Che rammarico perdere ai rigori”

Giovanissimi fascia B elite – Il tecnico Girini: “Grazie ragazzi! Che rammarico perdere ai rigori”

Il tecnico biancoceleste, Mauro Girini, subito nel post partita è passato dai microfoni di Lazio Style Radio per tirare le somme sulla splendida annata biancoceleste…

ROMA – I Giovanissimi Fascia B Elite biancocelesti allenati da Mauro Girini hanno disputato una stagione brillante. Le giovani aquile classe 2002 dall’inizio della stagione sono cresciuti in maniera esponenziale, hanno collezionato vittorie su vittorie, chiudono il campionato con il miglior attacco e la miglior difesa dell’intera categoria, ma purtroppo, in finale è mancata la ciliegina sulla torta. Nella finalissima per il titolo regionale, i calci di rigore hanno condannato i biancocelesti alla medaglia d’argento.

 

Il tecnico biancoceleste, Mauro Girini, subito nel post partita è passato dai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 FM, sottolineando la crescita della squadra e congratulandosi con i propri ragazzi:

“E’ sicuramente un bilancio positivo, abbiamo avuto una forte crescita dalla prima settimana in cui abbiamo iniziato a lavorare ad oggi. Peccato per l’epilogo, ma dobbiamo essere contenti di quello che abbiamo fatto. Non ho rimproveri da fare ai ragazzi perché hanno 13/14 anni ed hanno dato veramente tutto, settimanalmente gli do i suggerimenti per continuare a far bene e crescere, ma hanno fatto un gran percorso. La finale? E’ stata una partita nervosa, non abbiamo avuto quella serenità per controllare la gara, ma d’altronde era una finale. Potevamo sicuramente chiuderla prima e non andare ai calci di rigore, c’è stata l’espulsione alla fine dei tempi regolamentari, dopo è stata una partita di attenzione e con grande sacrificio siamo arrivati ai rigori, ma abbiamo colpito una traversa al primo tempo supplementare e proprio all’ultimo secondo abbiamo avuto un’altra grande occasione. C’è rammarico, perdere ai rigori è brutto, mi dispiace soprattutto per i ragazzi perché si sarebbero meritati la vittoria per quello che hanno fatto durante l’anno. Di certo, non mi sento di accusare i ragazzi per i rigori sbagliati, ci può stare, soprattutto è nella loro prima finale importante. A 13/14 anni è normale sentire la tensione, le gambe cedono, ma anche questo gli serve da esperienza, le sconfitte aiutano a crescere. Tutti avremmo voluto un epilogo differente, ma questi ragazzi sono solo all’inizio e son certo che nella loro vita calcistica e non faranno sicuramente bene. Il prossimo anno questi giocatori andranno ad affrontare un campionato nazionale, andranno solo a crescere facendo un campionato sicuramente più competitivo e stimolante. Ai ragazzi gli auguro il meglio non solamente in ambito calcistico, anche nella vita. Dopo un anno a stretto contatto si crea un rapporto umano molto bello ed intenso, effettivamente anche i risultati sportivi vengono solo quando c’è armonia e sinergia con i ragazzi. Sono un gruppo splendido, gli auguro il meglio!”

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy