Lazio: vietato sbagliare! Vincere a Verona per la fuga europea….caso Luis Alberto

Lazio: vietato sbagliare! Vincere a Verona per la fuga europea….caso Luis Alberto

La Lazio è chiamata a vincere contro il Chievo a Verona, per riprendere il cammino Champions.

di redazionecittaceleste

ROMA – Ripartire e non fermarsi fino al 29 dicembre. La Lazio da oggi è chiamata fino alla fine dell’anno a cercare di vincerle tutte, accumulando punti preziosi per la zona Champions, o almeno proverà a farlo. I biancocelesti dopo il

Chievo affronteranno: Sampdoria, Atalanta, Cagliari, Bologna e Torino, fino alla sosta per poi riprendere nel 2019 contro il Napoli. Impegni che possono garantire alla Lazio punti molto preziosi per il proseguo della stagione. Per far si che questo accada i biancocelesti devono ripartire, già questa sera contro il Chievo per ritrovare la vittoria che in campionato manca dal 4-1 alla SPAL del 4 novembre, dopo i due pareggi consecutivi contro Sassuolo e Milan. La Lazio dopo la sconfitta contro l’Apollon Limassol in Europa League deve tornare a vincere, per spronare la squadra ieri è intervenuto anche il presidente Lotito in prima persona, che si è presentato a Formello per motivare i calciatori e per ribadire che l’atteggiamento messo in campo contro i ciprioti, non si dovrà più ripetere. Per tornare alla vittoria servirà una prestazione di livello, poiché il Chievo ultimo in classifica ad un solo punto, non potrà permettersi molti altri passi falsi se vuole evitare la retrocessione. Con l’avvento del neo tecnico Di Carlo i clivensi hanno ottenuto già un risultato positivo, fermando il Napoli al San Paolo sullo 0-0, sicuramente vorranno ripetere la stessa prestazione contro i capitolini. La Lazio dunque deve stare molto attenta alla trappola gialloblù, se vuole conservare il quarto posto dovrà combattere questa sera contro il Chievo. Anche lo scorso anno la Lazio faticò e non poco al Bentegodi, vincendo 1-2, sfatando un tabù che durava dal 2014. Al vantaggio di Immobile rispose Pucciarelli, gara poi risolta dal gol all’89’ con la sberla da fuori area di Milinkovic-Savic, che nell’esultanza travolse Simone Inzaghi in un abbraccio collettivo, una delle immagini più belle della Lazio nella scorsa stagione.

Caso Luis Alberto
Un altro caso imperversa però in casa Lazio, si tratta di Luis Alberto che non ci sarà nella sfida contro il Chievo. Il mister Inzaghi ha dichiarato: “E’ un generoso, voleva esserci, ma dalla partita con il Milan ha sentito un fastidio al pube. Gli esiti degli esami sono stati positivi, ma non l’ho visto libero in questi giorni. Non ci sarà col Chievo, lo abbiamo deciso dopo l’allenamento“. Davvero un peccato poiché contro il Milan si erano visti i primi timidi segnali di luce per lo spagnolo, che in questa stagione non sta brillando. La questione principale sarà capire se l’ex Liverpool dovrà operarsi oppure no, magari trascinandosi il problema per tutta la stagione, la speranza è che la situazione si possa risolvere in un modo o nell’altro. Con la pubalgia purtroppo non si scherza, il sospetto c’è, e il problema andrebbe affrontato nel più breve tempo possibile. Anche Ruben Aliaga (ex osteopata del Liverpool) che ha seguito Luis Alberto da vicino, nelle scorse settimane ha dichiarato che lo spagnolo, secondo il suo parere non deve aspettare a trattare il problema a livello clinico. Di questa situazione anche Lotito è stufo: a differenza di quanto fa trapelare il ds Tare, il presidente è pronto a cederlo, anche a gennaio. Sperando che il Siviglia, ancora con 30-35 milioni come in estate, sia pronto davvero a sferrare l’offensiva.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy