Marco Parolo, l’uomo nell’ombra col vizio del gol

Marco Parolo, l’uomo nell’ombra col vizio del gol

Il centrocampista è già a quota quattro reti: oltre al grande lavoro in fase di interdizione, il numero 16 riesce anche ad essere decisivo quando attacca

di Leonardo Mazzeo

ROMA – Nell’ultima giornata, contro il Benevento, è apparso un po’ stanco: meno lucido del solito, in campo non riusciva a garantire la solita intensità. Aveva bisogno di una scossa, e se l’è data da solo: Parolo non vuole mai scendere sotto la sufficienza. Dopo chilometri macinati, arriva il gol: sporco, in caduta, uno stile non impeccabile ma molto efficace. Come risulta sempre efficace lui, che lavora dietro le quinte e corre per due.

parolo-lazio

LONTANO DALLE LUCI

Parolo non è uno di quei giocatori sulla bocca di tutti. Non fa brillare gli occhi con una giocata come Luis Alberto, né segna a raffica come Immobile. Ma corre. Eccome se corre. L’ex Parma è un maestro nel così detto “lavoro sporco”: è lui a chiudere gli spazi, a interrompere le trame di passaggio avversarie. Poi i palloni recuperati, e le rincorse agli avversari: Parolo non lascia mai il campo senza aver dato tutto. Se poi, nel corso della partita, dovesse anche riuscire a trovare la via del gol, tanto di guadagnato. E quest’anno è già a quota 4.

immobile-parolo

LE RETI

L’ultima marcatura è arrivata contro il Benevento. Una rete che non deve passare inosservata: la Lazio era in un momento di difficoltà, il Benevento stava rialzando la testa. Parolo, con quel gol, ha spento le speranze degli avversari. Anche contro il Vitesse, il numero 16 aveva realizzato una rete decisiva. Di più: in quell’occasione, Parolo mise a segno il gol del pareggio e diede il via alla rimonta biancoceleste. Altre due reti nella partita in casa con il Sassuolo: doppietta per legittimare la vittoria. Corsa, fatica ma non solo, quindi, per un giocatore che sa farsi trovare pronto anche all’appuntamento con il gol.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy