Uefa, Ceferin:”La Champions dovrà cambiare, anche con l’introduzione della VAR”

Uefa, Ceferin:”La Champions dovrà cambiare, anche con l’introduzione della VAR”

di redazionecittaceleste

ROMA- Al Festival dello Sport di Trento c’era anche Aleksander Ceferin, presidente UEFA. Ha affrontato tanti discorsi:

TERZA COMPETIZIONE EUROPEA – “La competizione tra i club europei e mondiali non cambieranno fino al 2024. Probabilmente dovremo poi rinnovare uno sport che cambia velocemente. La terza coppa? Vogliamo includere sempre più club che chiedono più gare internazionali. Quindi più competizione. A Dicembre a Dublino il Comitato farà delle scelte. Non può che aumentare il prestigio del nostro calcio. Anche la Champions dovrà cambiare, con l’idea di semplificare le dinamiche del torneo e potenziare la solidarietà tra le squadre. Se non interveniamo sul locale, lentamente, il calcio morirà”, riporta tuttomercatoweb.com.

MONDIALI – “Mondiale a 48 Nazionali? Vedo due vie: la prima è la possibilità di assistere a un torneo noioso, la seconda riguarda invece l’inclusione rispetto a quelle Nazionali che riescono a partecipare a un torneo tanto importante. Il che è un bene per il sistema calcio. Dicono tutti che la UEFA è contro al mondiale per club, ma non è così. Non sappiamo certo quali potrebbero essere i termini, i budget e le posizioni delle squadre. Non possiamo trovare un acquirente come la Formula 1. Noi siamo il calcio e in quanto tale vanno seguiti i cambiamenti. Non c’è un amore totale per il calcio. La UEFA è a caccia di situazioni interessanti, capaci di arricchire ulteriormente questo sport, ma non si può dire di sì a qualcosa rispetto alla quale manca un quadro completo della sua eventuale organizzazione. Parlo ovviamente della Club World Cup proposta dalla FIFA. Spiace sia assente Infantino che certamente avrebbe illustrato meglio di me lo scenario attuale”. 

SUPERLEGA – “Per me danneggerebbe il calcio mondiale, sarebbe noiosa perché se pensiamo a due club come Bayern e Juve che giocano sempre, sarà più noioso che guardare un derby. Mi opporrò con ogni mezzo per fare in modo che non venga mai approvata. Una lega chiusa ostacolerebbe la crescita del calcio“. 

VAR – “La differenza tra i campionati locali e la Champions è che quest’ultima ingloba arbitri da tutto il continente, chiamati a dirigere gare diverse che c’entrano poco con quelle di un campionato. Non si impara a guidare con una Ferrari. Stiamo cominciando a preparare una modalità che sia in grado di lanciare la VAR anche nella massima competizione per club a livello europeo. In Serbia-Svizzera tutti abbiamo visto quanti dubbi ci sono ancora nelle decisioni arbitrali. Se non raggiungiamo prima la massima chiarezza, continueremo ad aspettare. L’auspicio è che il suo utilizzo cresca sempre di più”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy