LA CONFERENZA – Gentiletti: “Voglio riscattarmi a Dnipro, ora sono al 100%”

LA CONFERENZA – Gentiletti: “Voglio riscattarmi a Dnipro, ora sono al 100%”

Commenta per primo!
chievo-lazio
DNIPRO – Altro che Santiago subito, Berisha lo maledice ancora: prima si fa saltare e lascia lo spazio a Meggiorini per calciare, poi devia in rete la sua conclusione. Che disastro. Anche perché c’è il doppio zampino negativo anche nel raddoppio del Chievo. Fuori con l’Udinese, Gentiletti ritorna al centro della difesa (squalificato Mauricio) a Dnipro. Dice d’essere pronto, l’argentino, in conferenza: “Mi sento bene, teniamo a questa competizione ed è importante per me. Dobbiamo essere all’altezza di un torneo internazionale”. Nessun problema a giocare col mancino Hoedt: “A me non cambia giocare con un destro o con un sinistro, io faccio solo ciò che mi chiede il mister”.
RESET – Il cammino di Santiago impervio. La scorsa stagione era rientrato con tanta grinta, dopo esser rimasto così a lungo lontano dai campi. Ma già in ritiro ad Auronzo s’era capito che qualcosa non andava. E anche in quest’avvio, tanto che Pioli gli aveva preferito Mauricio contro le Aspirine, sia all’andata che al ritorno: “L’infortunio è stato grave e mi ha condizionato. Ora voglio tornare al cento per cento. Sono in condizione e devo mettermi alla prova. Ero legato anche nel precampionato, ora mi sento bene e voglio dimostrarlo sul rettangolo di gioco”. Già, sarebbe bello rivedere quei piedi Gentiletti in Europa League: “La Champions è finita, ma anche questa competizione è importantissima. Bisogna affrontarla dunque come se fosse l’altra”.
COMPAGNO – Pioli ha fatto studiare alla difesa il prossimo avversario: “Bisogna stare attenti a come si muovono gli attaccanti del Dnipro”, assicura di Gentiletti. Che descrive il compagno Hoedt: “Ha parecchia qualità tecnica ed è forte fisicamente. Diventerà un grande giocatore”. Centonovantadue centimetri, è già un gigante!
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy