Lazio Women, Picchi: “Stiamo formando un bel gruppo”

Lazio Women, Picchi: “Stiamo formando un bel gruppo”

Le dichiarazioni della giocatrice biancoceleste

di redazionecittaceleste

ROMA- Miriam Picchi, giocatrice della Lazio Women, è intervenuta ai microfoni di Lazio Style Radio:

“Quella contro il Milan Ladies è stata una partita giocata a ritmi alti, in cui abbiamo segnato subito, al 20’ eravamo già sul 2-0 poi siamo calate nell’attenzione. Nella ripresa siamo tornate sul terreno di gioco con lo stesso piglio della prima frazione ma le nostre avversarie hanno acquisito fiducia, ci hanno schiacciate nella nostra metà campo e su due calci piazzati abbiamo preso altrettanti gol. Siamo rammaricate perché la gara era iniziata bene ed era stata interpretata al meglio all’inizio da tutta la squadra.

In occasione della rete del 2-0 ho provato un tiro con il sinistro che però è stato rimpallato poi è arrivata Proietti e ha segnato, è stata una bella azione, tutta di prima.

La struttura da gioco non era grande, il campo non aveva tribune ma intorno al campo c’erano molte persone che facevano il tifo, ovviamente il sostegno era maggiore per le padrone di casa ma qualcuna delle ragazze era presente per fare il tifo anche a Milano.

È un bel gruppo, che però si sta ancora formando, siamo molte giocatrici nuove, veniamo da squadre diverse. Si respira unione in campo e fuori. Dobbiamo ancora lavorare, essere più gruppo anche in campo, a Milano c’era da soffrire nei venti minuti finale, dovevamo restare compatte e difendere il 2-0. Spiace non esserci riuscite. Fuori dal campo lo spogliatoio è coeso, siamo tutte giovani, ambiziose e talentuose. Mi sono trovata benissimo sia con le nuove che con le veterane della Lazio.

Studio scienze della formazione primaria. In campo sono come nella vita, ovvero una ragazza tenace, che tiene molto alle cose che fa e soprattutto al calcio. Questo sport rispecchia le mie qualità.

Io ho sempre praticato sport, prima karate e nuoto poi all’età di 11 anni ho smesso e ho iniziato a giocare a calcio. Prima giocavo solo sotto casa, con amici e con mio fratello poi ho insistito, mamma era titubante, mi diceva che era un’attività per maschi ma alla fine ho iniziato con degli amici di scuola in seconda media nella scuola calcio di Tecchiena, perché io sono di Ferentino. Ho giocato due anni al Tecchiena in una squadra maschile e poi mi sono spostata in squadre femminili.

Negli ultimi anni ed in questi ultimi mesi, è subentrata la FIGC. Il cambiamento sta avvenendo perché grandi club come Milan, Fiorentina e Juventus, stanno invogliando e portando in alto il nome del calcio femminile. Sarà una crescita che dovrà maturare nel tempo. Vedremo i veri risultati tra qualche anno. I primi miglioramenti sono tangibili già ed io, come tutte le ragazze che praticano questo sport, sono molto felice.

Sono innamorata di Pirlo, il mio ruolo è quello, lui è fantastico. Nel calcio femminile, mi piace molto Alia Guagni, terzino della Fiorentina e della nazionale italiana, lei è forte fisicamente e tecnicamente, per me è un idolo.

Ci attende il derby, dovremo preparare la sfida al meglio. Al momento la Roma CF è la cavillosità insieme all’Inter.

In trasferta chiacchieriamo tra noi, giochiamo, socializziamo. A volte i viaggi sono lunghi e noiosi, vediamo film che interessano quasi a tutte. All’andata per Milano abbiamo chiacchierato tutto il tempo, abbiamo continuato a conoscerci. Iniziamo a parlare ed i viaggio dura un attimo. Ci confidiamo.

Ad inizio gara ci raduniamo prima di entrare in campo, a cerchio una ragazza o coach Tesse ci dice le parole per darci carica, grinta e spinta per la sfida che affronteremo pochi istanti più tardi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy