CRONACA – Denis Pipitone..

CRONACA – Denis Pipitone..

Chi l’ha visto torna a occuparsi del caso di Denise Pipitone, scomparsa a Mazara del Vallo il 1 settembre 2004. Dopo la testimonianza shock di Battista Della Chiave, l’uomo sordomuto che ha dichiarato di aver visto Denise mentre veniva nascosta all’interno di un peschereccio, nella puntata andata in onda ieri…

Chi l’ha visto torna a occuparsi del caso di Denise Pipitone, scomparsa a Mazara del Vallo il 1 settembre 2004. Dopo la testimonianza shock di Battista Della Chiave, l’uomo sordomuto che ha dichiarato di aver visto Denise mentre veniva nascosta all’interno di un peschereccio, nella puntata andata in onda ieri sera si torna a parlare della “pista tunisina”: è lì che sarebbe stata portata la piccola, subito dopo essere stata rapita per volere, forse, dei parenti del suo padre biologico.

denise pipitone 4

LO SPIRITATO – La pista della Tunisia, racconta il servizio di Chi l’ha visto (Qui il servizio completo, a partire dal minuto 24), non è mai stata seguita fino in fondo ma, allo stesso tempo, non è mai uscita di scena. Fin dai primi giorni dopo la scomparsa di Denise, erano stati in molti a suggerire alle autorità di cercare tra i pescherecci del porto di Mazara del Vallo perché, “Denise sarebbe stata nascosta lì”. E in effetti tra i molti pescherecci perquisiti dalle autorità, solo uno fu setacciato da cima a fondo: quello di Matteo Marino, detto “Lo spiritato”, zio di Denise perché sposato con Giacoma, sorella di Piera Maggio. Un personaggio dipinto a tinte fosche, quello di Marino, di cui di diceva fosse un mago ed evocasse il demonio. Con Giacoma la separazione era stata brusca, tanto che in molti lo avevano accusato di aver rapito la bambina per vendicarsi dell’ex-moglie. Ma sul suo peschereccio non furono mai trovate tracce del passaggio di Denise e la figura dello “Spiritato”, uscì lentamente di scena. Si pensò addirittura che il suo coinvolgimento fosse uno “specchietto per le allodole” creato apposta per depistare le indagini.

Fonte: Giornalettismo.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy