Valeria Marini a processo: non restituì i diamanti prestati dal suo gioielliere

Valeria Marini a processo: non restituì i diamanti prestati dal suo gioielliere

ROMA – Appropriazione indebita: è questa l’accusa nei confronti di Valeria Marini, spinta in un’aula del tribunale di Piazzale Clodio dall’ex consulente principale del marketing per la sua linea di abbigliamento. Manuel Pirino, gioielliere e amico al punto da essere ospitato nell’appartamento adiacente all’abitazione della showgirl a Piazza di Spagna…

ROMA – Appropriazione indebita: è questa l’accusa nei confronti di Valeria Marini, spinta in un’aula del tribunale di Piazzale Clodio dall’ex consulente principale del marketing per la sua linea di abbigliamento. Manuel Pirino, gioielliere e amico al punto da essere ospitato nell’appartamento adiacente all’abitazione della showgirl a Piazza di Spagna per tre mesi. Nel gennaio 2010 i due hanno litigato e la Marini ha cacciato Pirino di casa. Da quel momento è cominciata la disputa e oggi la Marini viene processata con l’accusa di appropriazione indebita. Secondo il pm Antonella Nespola, l’attrice-stilista non ha restituito i gioielli che il suo ex consulente teneva nell’alloggio: una parure composta di gemelli d’oro modello pavé e di due tennis di diamanti e smeraldi che Parino valuta 170 mila euro ma della cui esistenza non c’è nessuna prova materiale. «Quest’uomo si è inventato tutto per danneggiarmi – ha detto ieri la Marini, interrogata dal vice procuratore onorario Giovanni Nostro -. Ho restituito a Pirino tutti i suoi effetti personali. E comunque non ricordo che tra queste cose ci fossero i gioielli». Alcuni testimoni confermerebbero l’ipotesi dell’accusa, mentre i legali della Marini parlano di “calunnia vera e propria”. (Leggo.it)

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy