• SUL CAN. 669 DELLA TUA TELEVISIONE TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

ESCLUSIVA – Pancaro: “Lazio, che gran colpo Acerbi. Correa è l’uomo in più del formato ‘fantasia’. Con Icardi Inter favorita”

ESCLUSIVA – Pancaro: “Lazio, che gran colpo Acerbi. Correa è l’uomo in più del formato ‘fantasia’. Con Icardi Inter favorita”

Le parole dell’ex difensore della Lazio, Giuseppe Pancaro, su Acerbi e non solo

di redazionecittaceleste

ROMA – Al rientro dalla pausa Nazionali la Lazio dovrà subito preparare una sfida fondamentale. I biancocelesti se la vedranno contro l’Inter a San Siro.

 

 

eccezzzionale

Sarà una gara fondamentale per il prosieguo di stagione della squadra di Inzaghi. Una sconfitta o anche un pareggio potrebbero rivelarsi deleteri per la corsa al quarto posto. L’imperativo sarà vincere, ma i nerazzurri saranno un avversario ostico, perdipiù dopo il ritorno in gruppo i Mauro Icardi. Tra l’altro, titolare contro il suo passato ci sarà finalmente Stefan De Vrij, sostituito dalla Lazio con un monumentale Acerbi. Quest’ultimo, inserito tra i migliori 11 dell’anno in Serie A dal sito statistico Opta, non è stato convocato da Roberto Mancini con l’Italia, decisione che ha lasciato molti dubbi. Di questi temi ne abbiamo parlato con l’ex difensore della Lazio Giuseppe “Pippo” Pancaro. Ecco le sue considerazioni in esclusiva per Cittaceleste.it.

Cosa ne pensa della mancata convocazione di Acerbi con l’Italia?

Secondo me c’è poco da dire. Il ct è messo lì per fare delle scelte. Ci sono tanti giocatori bravi, non è certamente facile lasciare a casa chi sta giocando bene, ma i posti sono limitati. Acerbi sta facendo benissimo, ma bisogna rispettare le scelte di mister Mancini. Il numero 33 biancoceleste penso che stia facendo una delle migliori annate della sua carriera. Il fatto però è che in base a come gioca l’Italia il ct preferisce altre caratteristiche. Probabilmente il centrale della Lazio potrà avere una chance più in là, ma dipenderà sempre da ciò che ha in mente Mancini. L’importante è che Acerbi continui ad attestarsi su questi livelli alti di rendimento“.

Acerbi
Acerbi

Contro l’Inter ci sarà l’ex De Vrij. Quanto è stato importante sostituire un giocatore di quel calibro con uno come Acerbi?

Io penso che sia stato veramente fondamentale. Non era affatto facile sostituire un campione come De Vrij. Eppure la Lazio c’è riuscita. Fatti e numeri dicono così. Era veramente molto molto difficile trovare un difensore che avesse un rendimento anche vicino all’olandese. Ad oggi Acerbi addirittura sta riuscendo a non farlo rimpiangere. Va detto però che da questo punto di vista la Lazio ha sempre dimostrato di essere brava a muoversi. Anche quando è partito Biglia non era facile sostituirlo. Tuttavia il club ha messo a segno il colpo Leiva. Tutto ciò dimostro tanta programmazione e competenza, sia di Simone (parla dell’ex compagno Inzaghi, ndr) in campo, che della società nel cercare giocatori utili alla causa“.

Si sente di premiare un giocatore in particolare della Lazio dopo questo periodo di crescita?

Allora, sicuramente è un discorso corale. Che la Lazio giochi bene di squadra è chiaro. Gran parte del merito va di certo a Inzaghi e il suo staff. I biancocelesti stanno benissimo fisicamente. Ovvio che in questa crescita ha inciso molto il derby, ma si vede che la Lazio ha lavorato bene in passato e oggi sta raccogliendo i frutti. E’ una delle squadre che sta meglio. Poi, oltre alla condizione fisica, è stato cruciale il coraggio di Inzaghi. La scelta di arretrare Luis Alberto a centrocampo e mettere Correa fisso dal 1′ dietro la punta è stata la vera chiave dell’ultimo mese biancoceleste, anche se ciò ha portato al sacrificio di un gran giocatore come Parolo. Di conseguenza, se devo sottolineare le prestazioni di un giocatore cito senza dubbio Correa. E’ veramente fenomenale, e secondo me è stato lui il più decisivo in questo periodo“.

Il ritorno di Icardi nell’Inter sarà qualcosa di positivo già contro la Lazio per i nerazzurri?

Sì, assoultamente. Certo, bisognerà vedere la sua condizione fisica, ma Icardi sposta l’asticella del terzo posto verso l’Inter. L’argentino alza tanto il tasso tecnico e di personalità dei nerazzurri, rendendoli molto più forti. Sinceramente non mi aspettavo un favorito nel derby di Milano, anche se i nerazzurri non erano in un buon periodo. Sicuramente la vittoria dà maggiore spinta alla squadra di Spalletti. Quest’ultima con l’ulteriore ritorno di Icardi in questo momento diventa la favorita per il terzo posto. Questa Lazio può puntare alla Champions, ma secondo me dovrà fare la corsa sul Milan. Sarà fondamentale fare sempre punti per i biancocelesti, già a partire dal match contro l’Inter. Il ritardo dalle milanesi si fa sentire. In più queste ultime avranno lo scontro diretto contro la Lazio in casa. Perciò c’è poco da fare calcoli: dal rientro in poi la squadra di Inzaghi non potrà più sbagliare“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy