Ag.Ceccarelli, “Per lui meglio la Serie B”

Ag.Ceccarelli, “Per lui meglio la Serie B”

Lotito lo vuole a Salerno, le sirene da Lanciano fanno gola a lui ed al procuratore, il direttore generale della Lazio Tare ha espresso il suo parere sottolineando che il progetto-Salernitana sarebbe ideale per la crescita di un ragazzo potenzialmente molto forte, sullo sfondo una mancata convocazione per il ritiro…

Lotito lo vuole a Salerno, le sirene da Lanciano fanno gola a lui ed al procuratore, il direttore generale della Lazio Tare ha espresso il suo parere sottolineando che il progetto-Salernitana sarebbe ideale per la crescita di un ragazzo potenzialmente molto forte, sullo sfondo una mancata convocazione per il ritiro con la prima squadra che costringe il giovane Ceccarelli ad allenarsi da solo in attesa che la società ed il suo agente si chiariscano e gli comunichino la nuova destinazione. “Ci concentreremo sui giovani della Lazio, Ceccarelli ed Emmanuel sono elementi interessanti e prima di guardare altrove preferiamo guardare il settore giovanile biancoceleste convinti che Lotito possa convincere questi ragazzi a venire a Salerno anche in Seconda Divisione” affermò tempo fa il direttore sportivo granata Massimo Mariotto e, dopo settimane di tira e molla, come da noi anticipato Lotito ha telefonato personalmente ai propri calciatori un paio di giorni fa invitandoli a rivedere la loro apparentemente irremovibile posizione, tutto mentre gli ex laziali già agli ordini di Galderisi decantavano loro telefonicamente le qualità della città, della dirigenza, della squadra e, soprattutto, di una tifoseria che ha pochi eguali in Italia.

Se per Emmanuel si è registrata una piccolissima frenata, per Ceccarelli si intravede qualche spiraglio, ma Pocetta, agente del giovane calciatore, spegne i facili entusiasmi sottolineando che la categoria rappresenta un ostacolo davvero importante per la buona riuscita dell’operazione: “Non voglio assolutamente sminuire Salerno, è una piazza importantissima” ha dichiarato ai nostri microfoni “purtroppo, però, stiamo parlando di Seconda Divisione e questo è un bel problema, fosse stata C1 tutto poteva essere più facile, il ragazzo ha espresso la sua opinione che combacia perfettamente con la mia, ci sono richieste in serie B ed è giusto che Ceccarelli faccia esperienza in categorie prestigiose. Negli anni prossimi, ovviamente, tutto potrà succedere, ad ora smentisco l’esistenza di qualsivoglia trattativa, sebbene so per certo che Lotito sta facendo di tutto per avere il mio assistito in granata“. Pronto a chiudere con il Lanciano di Gautieri, neo promosso in serie B, Pocetta spera non si arrivi ad un braccio di ferro con la società, scenario che, al momento, non può certo essere scartato: “Il ragazzo non è stato aggregato alla prima squadra, è costretto ad allenarsi da solo e questa cosa non è bella, come ho detto prima il volere della Lazio, che è proprietaria del cartellino, è quello di mandare Ceccarelli a giocare per la Salernitana, nessuno deve dimenticare, però, che la priorità assoluta dev’essere il bene del ragazzo ed in questo momento la serie B rappresenta un palcoscenico di prestigio, senza nulla togliere all’ambizioso progetto che si è avviato a Salerno. Ho incontrato il direttore generale della Lazio Tare qualche giorno fa, lui ha espresso la sua opinione, io ho detto la mia rappresentando anche le velleità del calciatore, spero proprio che non si arrivi ad un braccio di ferro e che, da persone serie ed intelligenti, si raggiunga un accordo che accontenti tutte le componenti“. Infastidito da alcune voci circolate a Salerno, Pocetta fa poi chiarezza su un altro aspetto: “Siete sicuri che, per le sue caratteristiche, avete bisogno di Ceccarelli a Salerno? Qualche vostro collega ha detto che Galderisi cerca persone che arrivino sul fondo per crossare palloni per le punte, non sono assolutamente le caratteristiche del mio assistito. Al di là dei moduli, questo ragazzo è bravo nell’uno contro uno, punta l’uomo con coraggio e personalità, dalla metà campo in su ha un potenziale importante, ma se vi aspettate il classico esterno che faccia cross per il centravanti siete completamente fuori strada“.

In chiusura, Pocetta svela di non aver mai trattato direttamente con Mariotto: “Il ragazzo probabilmente ha sentito il presidente, io ho parlato con Tare, ma non ho mai avuto il piacere di colloquiare con Mariotto, non lo conosco nè personalmente, nè telefonicamente. Speriamo che tutto possa risolversi nei prossimi giorni, l’opzione Lanciano è accreditata e rappresenta una chance da sfruttare nel migliore dei modi, prioritario era e resta il bene del ragazzo“.

Fonte: Granatissimi.com

Roberto Maccarone – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy