Esclusiva RR: Sculli-Mesto, parla Lo Monaco..

Esclusiva RR: Sculli-Mesto, parla Lo Monaco..

L’amministratore delegato del Genoa Pietro Lo Monaco, intervenendo ai microfoni di Radio Radio, ha fatto il punto sulla questione Mattia Destro, ma ha risposto anche ad altre domanda sul calciomercato. Ieri c’è stato un inaspettato incontro con il direttore sportivo del Genoa Capozucca in cui si è parlato anche di…

L’amministratore delegato del Genoa Pietro Lo Monaco, intervenendo ai microfoni di Radio Radio, ha fatto il punto sulla questione Mattia Destro, ma ha risposto anche ad altre domanda sul calciomercato.

Ieri c’è stato un inaspettato incontro con il direttore sportivo del Genoa Capozucca in cui si è parlato anche di Sculli, rientrato  rientrato alla Lazio dopo il prestito di sei mesi al Genoa. Un prestito che si sarebbe dovuto trasformare in un riscatto definitivo (almeno questo era quanto pensava la Lazio) e che invece non si è trasformato in nulla. La novità sarebbe il ritorno a Genova del giocatore, ma  nell’ambito di uno scambio che porterebbe Mesto a Roma, che andrebbe a coprire una  lacuna dell’attuale rosa biancoceleste.

Queste le parole di Lo Monaco:
“Non penso proprio. Questo scambio al momento è improbabile: a meno che non si parli di un difensore, il Genoa non inserire nessun giocatore. Abbiamo un organico completo: abbiamo iniziato con 103 giocatori, ora che abbiamo una rosa normale e lavoriamo in condizioni umane, non inseriremo altri giocatori. Un conto è Piscitella, discorso diverso per altri giocatori non in linea con l’azienda”

Pietro Lo Monaco, inoltre, si dice sereno per la vicenda calcioscommesse: “Sono tranquillo perchè mi sembra un po’ demenziale tutto quello che ho letto. Il Genoa è stato messo dentro perchè i giocatori di un’altra squadra avrebbero fatto una colletta per una combine che poi non è andata a buon fine…mi sembra una costruzione artificiosa”

Enrica Di Carlo – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy