Retroscena Dias: c’era l’accordo col Gremio ma…

Retroscena Dias: c’era l’accordo col Gremio ma…

ROMA – Oracolo sbagliato: “Se c’è la soluzione, perché ti preoccupi?”, gli aveva sussurrato al telefono pochi giorni fa, citando sempre Aristotele, il suo guru Jota Alves. Il Profeta l’aveva chiamato per ritrovare un’altra alba biancoceleste. Invece ieri sera al tramonto, ecco quella fitta alla coscia sinistra: Hernanes usciva dal…

ROMA – Oracolo sbagliato: “Se c’è la soluzione, perché ti preoccupi?”, gli aveva sussurrato al telefono pochi giorni fa, citando sempre Aristotele, il suo guru Jota Alves. Il Profeta l’aveva chiamato per ritrovare un’altra alba biancoceleste. Invece ieri sera al tramonto, ecco quella fitta alla coscia sinistra: Hernanes usciva dal campo zoppicando, furioso con la sorte. Che periodaccio: voleva rimboccarsi le maniche, tirava invece su il pantaloncino e indicava l’adduttore a Petkovic. Che a sua volta, quasi a rincuorarlo, lo convocava comunque: è in dubbio. Ancora fuori dall’elenco dei 20, Dias: “Ha la mia fiducia? Tutti sono utili”, glissa Petkovic. Eppure il centrale – infortunio a parte – è ormai un corpo estraneo: “Andrò via a gennaio”, aveva confidato ai tifosi a Formello. Il retroscena: André in estate s’era accordato col Gremio, ma Lotito pretendeva 1,5 milioni per il suo cartellino in scadenza a giugno. Ora Dias è fuori dalla lista Uefa, ma almeno sino a Natale percepirà 600 mila euro (guadagna 1,2 milioni l’anno). Utili magari per un altro centrale: oggi ti ritrovi solo con Ciani. (Alberto Abbate – Il Messaggero)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy