Caos dopo Lazio-Napoli: è guerra di comunicati. “Cronaca Laziale”, la rai risponde

Caos dopo Lazio-Napoli: è guerra di comunicati. “Cronaca Laziale”, la rai risponde

ROMA – “Il Cdr e il fiduciario di Milano esprimono profonda indignazione per l’ennesimo attacco a Rai Sport. Accettiamo le critiche ma non le offese presenti nell’articolo, con tanto di richiamo in prima pagina, apparso sulle colonne de “Il Mattino” dopo la sfida di Coppa Italia tra Lazio e Napoli”.…

ROMA –Il Cdr e il fiduciario di Milano esprimono profonda indignazione per l’ennesimo attacco a Rai Sport. Accettiamo le critiche ma non le offese presenti nell’articolo, con tanto di richiamo in prima pagina, apparso sulle colonne de “Il Mattino” dopo la sfida di Coppa Italia tra Lazio e Napoli”. E’ scritto in una nota del Cdr e del fiduciario di Milano di Rai Sport.A firmare il pezzo – continua il comunicato – è Maurizio De Giovanni, scrittore di gialli e tifoso del Napoli spesso ospite nelle nostre trasmissioni. De Giovanni invita a non pagare il canone e definisce la Rai “Lotito Tv” denigrando il lavoro dei colleghi. Evidentemente la Rai va bene per farsi pubblicità e meno bene in altre circostanze”. Il Cdr esprime solidarietà al collega Marco Lollobrigida che, anche a seguito di questa campagna stampa ai limiti del diffamatorio, “ha ricevuto insulti e pesanti minacce sui social network”.Ci stupiamo di come il direttore de Il Mattino abbia potuto permettere la pubblicazione di un articolo del genere – continuano – e chiediamo al nostro direttore Carlo Paris di valutare tutte le azioni utili ad evitare altri episodi sgradevoli”. “Non accetteremo più attacchi alla nostra professionalità in un momento delicato come questo. La Rai – conclude la nota – sta trattando i diritti della Coppa Italia, torneo che anche grazie al lavoro di Rai Sport ha brillato negli ascolti, e i diritti della Nazionale di calcio. Chiediamo garanzie dalla direzione e dall’azienda sul reale impegno in queste complesse trattative e chiarezza su diritti già acquisiti come quelli per il prossimo campionato di Serie A. Giornate come quella del 22 marzo con sole due partite utili per 90¸ minuto, e tutte le altre di sera, non possono essere accettate a fronte di un investimento così oneroso”. (CalcioWeb)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy