“Il colore dell’Invisibile”, quando la danza diventa emozione – FOTO&VIDEO

“Il colore dell’Invisibile”, quando la danza diventa emozione – FOTO&VIDEO

ROMA – La danza è una delle più belle rappresentazioni del nostro corpo con cui far trasparire le emozioni più forti al proprio pubblico. Ed è proprio quello che ha trasmesso lo spettacolo “Il colore dell’Invisibile”, realizzato dalla S.S. Lazio Danza Sportiva, diretta da Roberto Amidani e Barbara Costa. Si…

ROMA – La danza è una delle più belle rappresentazioni del nostro corpo con cui far trasparire le emozioni più forti al proprio pubblico. Ed è proprio quello che ha trasmesso lo spettacolo “Il colore dell’Invisibile”, realizzato dalla S.S. Lazio Danza Sportiva, diretta da Roberto Amidani e Barbara Costa. Si sono toccate le tecniche più disparate attraverso una rappresentazione sublime e densa di emozioni come la Rumba, danza dell’amore, rappresentata dalla coppia che si è esibita di recente ai campionati mondiali di danza che si sono tenuti a Glasgow in Scozia, regalando vibrazioni per il cuore e una sinuosità e sensualità a livelli elevatissimi. Un fiume in piena di adrenalina e volteggi che hanno coinvolto tutti gli allievi della scuola, dai più piccoli ai più grandi. Un successo incredibile di pubblico, circa 330 persone hanno gremito l’Auditorium della Chiesa di Santa Chiara, pronti a ricaricarsi di energia.

Ci stiamo allargando – ci confessa Roberto Amidanipresto apriremo un’altra scuola in Via Casilina, oltre alla collaborazione già esistente  di una realtà importante come quella di Guidonia magistralmente diretta dalla maestra Eleonora e a quella presente a Ponte Galeria,venite a trovarci. Tutti, quando si presentano davanti a me mi dicono che sono dei ciocchi di legno, ma basta muovere un semplice alluce del piede che la danza ti conquista, ti entra dentro e non ti lascia più. Vedere tutta questa gente – continua visibilmente emozionato – significa che siamo riusciti a toccare il cuore delle persone e questo ripaga tutti gli sforzi che stiamo facendo. Ora ci aspettano i campionati italiani, siamo aperti a tutti dai professionisti ai principianti, venite a trovarci e non ve ne pentirete!”. Dall’ Africa, alle colonne sonore di Invictus e di Cattivissimo me, un pieno di colori ed evoluzioni, dove la gioia del pubblico è tutt’altro che invisibile.

 

 

 

 


IL COLORE DELL’INVISIBILE di cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy