Allarme Floccari, conferme su Pereirinha

Allarme Floccari, conferme su Pereirinha

FORMELLO – Brutte notizie in casa Lazio. Oltre le vicende extracampo infatti, si aggiungono altri dubbi di formazione che, in vista di Milan-Lazio, non possono certo far piacere. Non ha infatti concluso la seduta odierna Sergio Floccari, che ha accusato un problema al ginocchio destro. Inizialmente aveva lavorato in regime…

FORMELLO – Brutte notizie in casa Lazio. Oltre le vicende extracampo infatti, si aggiungono altri dubbi di formazione che, in vista di Milan-Lazio, non possono certo far piacere. Non ha infatti concluso la seduta odierna Sergio Floccari, che ha accusato un problema al ginocchio destro. Inizialmente aveva lavorato in regime differenziato, ma poi ha dovuto abbandonare il campo scortato dal preparatore atletico Rongoni. Il medico sociale biancoceleste si è mantenuto possibilista: “Ha accusato qualche problema articolare e, anche se le sue condizioni non destano preoccupazione, c’è da considerare che siamo a due giorni dal match – ha dichiarato  Stefano Salvatori ai microfoni di Lazio Style Radio – Domani sarà un test importante per lui”. L’attaccante calabrese domani mattina presto, sosterrà gli esami del caso alla clinica Paideia, dopodichè verrà valutata la possibilità d’impiego a Milano. In caso di forfait le soluzioni sono due: Kozak o Saha. L’attaccante francese, dopo un mese di lavoro atletico e tattico per mettersi alla pari con gli altri, aspetta con ansia che Petkovic gli dia un’opportunità dal primo minuto.

4-1-4-1 con il portoghese – Per un dubbio che s’aggiunge, uno forse viene meno. Oggi infatti, in una linea a quattro di difesa, è stato provato Bruno Pereirinha nel ruolo di Abdoulay Konko, che rimarrà fermo per i prossimi 40 giorni (lesione al collaterale ndr). Potrebbe essere l’ex-Lisbona a vedersela con El Sharaawy, anche in considerazione delle pochissime alternative a disposizione (Lulic, Biava o cambio modulo). Dall’altra parte c’era Radu, mentre la coppia centrale era composta da Biava e Cana. Indicazione che, stante la titolarità dell’italiano, pone l’albanese in pieno ballottaggio con Andrè Dias. Detto dell’attacco e del reparto arretrato, fermo restando la presenza di Marchetti tra i pali, rimane il solo reparto di centrocampo, l’unico che in questo momento può godere di abbondanza di interpreti. Con Pereirinha confermato terzino destro, la mediana dovrebbe rimanere lo stessa vista all’Olimpico contro il Pescara, al netto di un eventuale turnover in ottica Europa League. Ederson e soprattutto Onazi sono pronti a mettere in difficoltà il tecnico.

Infermeria –  Klose, Brocchi, Konko e Mauri, com’è noto, non saranno della partita. Tutti lungodegenti tranne il fantasista brianzolo, sul quale ha fatto il punto il dott. Salvatori: “Mauri sta rispondendo molto bene alle terapie e domani inizierà a correre. Se non ci saranno problemi, si può sperare di recuperarlo di recuperarlo per la sfida europea di giovedi prossimo, ma ne sapremo di più a partire da lunedi”. I primi tre invece, proseguono le terapie del caso, con i rispettivi tempi di recupero. Il tedesco domani effettuerà un nuovo controllo a Monaco di Baviera, mentre il francese non toglierà il tutore prima di due settimane. Fanalino di coda Cristian Brocchi, per il quale purtroppo, ancora non è possibile neanche approssimare i tempi di rientro.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy