Formello: Ederson e Ciani scalpitano..

Formello: Ederson e Ciani scalpitano..

FORMELLO – La sosta sta passando in fretta, la ripresa del campionato è alle porte e la Lazio non vuole perdere l’inerzia di un avvio così brillante. Due settimane di quiete e serenità, prima della tempesta di sette gare in ventidue giorni, dove la tenuta fisica e nervosa degli uomini…

FORMELLO – La sosta sta passando in fretta, la ripresa del campionato è alle porte e la Lazio non vuole perdere l’inerzia di un avvio così brillante. Due settimane di quiete e serenità, prima della tempesta di sette gare in ventidue giorni, dove la tenuta fisica e nervosa degli uomini di Petkovic, verrà messa a dura prova. Prima del tour de force, la dirigenza capitolina, nella persona del presidente Lotito, ha voluto dar vita ad una cena di gruppo per cementare ancor di più lo spirito di squadra. Alla ripresa di stamattina, il tecnico ha comandato una serie di esercizi di scarico atletico, per smaltire qualche strappo alla regola avvenuto nella serata di ieri. Un’ora abbondante di seduta, fatta di corsa e e mini partitelle in campo ridotto, dove hanno preso parte tutti i presenti tranne Stefan Radu, che continua il suo protocollo riabilitativo che dovrebbe portare alla prima convocazione. 

Torello e buon umore – L’aria che si respira al centro sportivo biancoceleste è di quella buona, fatta di risate e goliardia, ma anche impegno e applicazione. Stile Petkovic insomma, che nella seconda seduta odierna pomeridiana, è tornato a focalizzarsi sull parte tattica in vista della trasferta di Verona. Dopo una iniziale fase di riscaldamento, du maxgruppi si sono impegnati in esercizi di palleggio e torello, dove Scaloni ha fatto di tutto pur di non finire nel mezzo, che spesso è toccato a Konko tra le risate dei compagni. Il tecnico croato osservava silenzioso ma soddisfatto e sorridente, nella sua tipica posa a braccia conserte con il piede destro sul pallone, mentre il vice-Manicone era a più stretto contatto verbale con gli atleti laziali, fornendo indicazioni di sorta. Lavoro sugli addominali hanno intervallato il proseguio.

Prove anti-Chievo, manca Dias – Nella seconda metà della dell’allenamento pomeridiano è balzata agli occhi l’assenza di Adrè Dias, alle prese con un problema al ginocchio che, ad oggi, no sembra precluderne la dipsonibilità. L’allenatore si è concentrato sulla parte tattica in vista della sfida di domenica alle 12:30 contro i clivensi. Centrocampo e attacco titolari contro la linea difensiva, priva del portiere. Concentrazione massima sui movimenti del reparto arretrato dunque, mentre dall’altra parte ci si è focalizzati sulla fase propositiva, puntanto sul gioco di prima e gli inserimenti da dietro dei centrocampisti. La giornata si è chiusa alle 18:30 con una partita a trequarti campo, intensa quanto combatutta, per riprendere il ritmo partita. Ritmo che verrà definitivamente ristabilizzato prima con l’amichevole prevista domani contro il Sulmona (eccellenza) alle 17, al centro sportivo di Formello rigorosamente a porte chiuse.

Ederson e Ciani scalpitano, attesa per Lulic – I due neoacquisti biancocelesti sono pronti all’esordio, hanno usufruito di queste due setimane di stop per integrarsi al meglio negli schemi di Petkovic, soprattutto per quanto riguarda l’utimo arrivato francese. Difficile possano iniziare dal primo minuto, in difesa la Lazio ha incassato appena un gol in quattro partite. l’iserimento del difensore ex-Bordeaux potrebbe essere più graduale, per non alterare gli equilibri fin qui raggiunti. Stesso discorso per il centrocampista brasiliano, per il quale si paventa la seconda panchina stagionale dopo quella contro il Palermo, che però profuma di probabile impiego. Si attende invece il ritorno di Lulic, per valutarne le condizioni dopo la botta alla caviglia rimediata con i rosanero, che però non preoccupa lo staff medico per il prossimo match.

Francesco Pagliaro

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy