FORMELLO: Ederson e Ciani, palo!

FORMELLO: Ederson e Ciani, palo!

FORMELLO – Il campionato si ferma per gli impegni nazionali, la Lazio no. Come preannunciato da mister Vladimir Petkovic, la compagine biancoceleste sosterrà alcune gare amichevoli durante le due settimane di sosta, per non perdere lo stato di forma e dare la possibilità a chi ha giocato meno di accumulare…

FORMELLO – Il campionato si ferma per gli impegni nazionali, la Lazio no. Come preannunciato da mister Vladimir Petkovic, la compagine biancoceleste sosterrà alcune gare amichevoli durante le due settimane di sosta, per non perdere lo stato di forma e dare la possibilità a chi ha giocato meno di accumulare minutaggio. E’ il caso dei neo-acquisti Ederson e Ciani, il primo di rientro da un infortunio al ginocchio che l’ha tenuto fermo un mese, il secondo da appena una settimana approdato alla corte laziale. Per i nuovi, ma non solo: anche alcuni veterani come Tommaso Rocchi, mai utilizzato in gare ufficiali ed escluso dalla lista di Europa League, avrà la chance di far girare le gambe e mettersi in mostra. Senza dimenticare i vari Zauri, Carrizo, Alfaro, Stankevicius e non ultimo Modibo Diakitè, ai margini del progetto per la querelle sul rinnovo contrattuale. L’occasione è quella con l’AL Wakrah, squadra degli Emirati Arabi uniti, volata in Italia per mettersi a confronto con la squadra capitolina a partire dalle 17:30 di oggi. 

Ederson e Ciani: ok! – Nel primo tempo si sono potuti osservare sia il centrocampista brasiliano, che il difensore francese, che si sono mossi con discreta disinvoltura. L’ex-Lione ha mostrato un’ottima rapidità di movimento e reattività muscolare, mentre l’ex-Bordeaux si è imposto a centro della difesa con personalità, svettando con eccellente tempismo su tutti i palloni aerei.  Dopo i controlli di stamattina in Paideia, che hanno dato il definitivo via libera, anche Stankevicius è apparso totalmente recuperato. Petkovic ha schierato i primi 11 in campo con un 4-3-3, composto da:  Bizzarri – Cavanda, Stankevicius, Ciani, Zauri – Onazi, Scaloni, Ederson – Zarate, Rozzi, Rocchi. Nel primo tempo si sono registrate parecchie azioni da rete, soprattutto da parte della Lazio che ha colpito un palo di capitan Rocchi, ma il risultato è rimasto inchiodato sullo 0-0.

Lazio al palo.. – La ripresa inizia con gli innesti di Floccari, Kozak, Carrizo e Diakitè, entrati al posto di Rocchi, Rozzi, Zauri e Bizzarri, con la pioggia che è andata via via diminuendo fino alla spiovuta arrivata verso le 19. La gara è stata giocata con buoni ritmi e discreta intensità, nessuno ha tirato indietro la gamba o ha tirato eccessivamente il fiato, a di mostrazione dell’importanza dell’amichevole per tecnico e giocatori, vogliosi di mettersi i mostra. Ciò nonostante la sfida è finita a reti bianche, anche a causa della cattiva sorte capitata a Onazi, le cui conclusioni sono state fermate da palo e traversa. L’ultimo legno tocca a Michael Ciani, che incorna su rifornimento da calcio d’angolo proprio di Ederson, dopo che gli avversari hanno addirittura rischiato il vantaggio.

Largo ai giovani – Sul finale hanno trovato spazio anche gli ultimi arrivi di casa Lazio, ma provenienti dall’ultima campagna acquisti primavera. Dentro il 16enne Mamadou Tounkara, attaccante proveniente dalla cantera del Barcellona, e il 18enne centrocampista Milos Antic, prelevato dal Grasshopper. Hanno rilevato Zarate e Scaloni, con Stankevicius a scalare nel ruolo di terzino (il lituano quet’oggi ha agito anche da centrale difensivo e di centrocampo) e Antic nel suo ruolo naturale di mezz’ala, mentre l’ex-blaugrana si è mosso da ala destra d’attacco. Un regalo a mister Bollini, che conta di inserire al più presto e in pianta stabile i rinforzi regalati dal Ds Tare, soprattutto la giovane stella serba che andrà ad arricchire una mediana povera di alternative.

Francesco Pagliaro

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy