FORMELLO – Rientra Lulic, bene Gonzalez e Cana

FORMELLO – Rientra Lulic, bene Gonzalez e Cana

FORMELLO – Ripresa degli allenamenti nel quartier generale biancoceleste, ma come al solito a tenere banco è la questione infortunati. Dal traballante tetto dell’infermeria, per un paio di tegole che sembrano essersi rimesse al suo posto, una cade e centra in pieno volto mister Petkovic: Mauri rischia di chiudere anzitempo…

FORMELLO – Ripresa degli allenamenti nel quartier generale biancoceleste, ma come al solito a tenere banco è la questione infortunati. Dal traballante tetto dell’infermeria, per un paio di tegole che sembrano essersi rimesse al suo posto, una cade e centra in pieno volto mister Petkovic: Mauri rischia di chiudere anzitempo la stagione. Il brianzolo non si è liberato dal problema alla cavglia datato 9 febbraio, nell’occasione del gol contro il Napoli, durante la cui esultanza ha preso una storta.

Le buone notizie – Gonzalez e Lulic sono rietrati regolarmente in gruppo. L’uruguayano ha fatto tesoro della settimana di lavoro differenziato in palestra, durante la quale ha completamente risolto il problema di fascite plantare che lo attanagliava da oltre un mese. Ora è perfettamente operativo, pronto a rimettere gambe e polmoni al servizio della squadra. Buone risposte anche da parte dell’ala bosniaca, che oggi come da programma, ha ripreso ad allenarsi con il resto dei compagni, mettendosi alle spalle lo stiramento del retto femorale destro. Per il ruolo di gterzino sinistro l’allarme sembra essere rientrato, Radu permettendo. Per il romeno la giornata di oggi avrebbe avuto la funzione di un test, dopo il fastidio muscolare accusato in Emilia,  ma dopo mezz’ora di seduta ha abbandonato Formello in tutta fretta per correre dalla moglie Alexandra, che ha dato alla luce due gemelli. E anche questa è una buona notizia, così come quella di Cana, che ha debellato l’attacco influenzale e si è regolarmente allenato.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy