EL – Le parole di Petkovic e Floccari: ”Ripartiamo”

EL – Le parole di Petkovic e Floccari: ”Ripartiamo”

FORMELLO – La Lazio si prepara alla partita di domani sera contro il Borussia Monchengladbach e Vladimir Petkovic, dopo aver parlato con la squadra nelle scorse ore, farà il punto della situazione questo pomeriggio, davanti taccuini e microfoni, nella canonica conferenza stampa pre match. Al fianco del tecnico, come consuetudine…

FORMELLO – La Lazio si prepara alla partita di domani sera contro il Borussia Monchengladbach e Vladimir Petkovic, dopo aver parlato con la squadra nelle scorse ore, farà il punto della situazione questo pomeriggio, davanti taccuini e microfoni, nella canonica conferenza stampa pre match. Al fianco del tecnico, come consuetudine per l’Europa League, ci sarà un tesserato e sarà il turno di Sergio Floccari. Cittaceleste come sempre per voi, seguirà l’evento e ve lo racconterà in diretta a partire dalle ore 17.00.

PETKOVIC:

Avete analizzato e capito la brutta partita di Siena?

“Brutte sensazioni ci sono sempre dopo una sconfitta per 3-0. Abbiamo analizzato e parlato, è stato un confronto tra veri uomini e sono certo che domani vedremo al vera Lazio. Giochiamo contro un avversario, che come tutti i tedeschi, ci credono fino al 105′. Dobbiamo dare il massimo per vincere. Serve una Lazio concentrata, consapevole, trascinata dal pubblico e che deve scendere in campo solo per vincere la partita”

Perchè non passa il messaggio che bisogna dare il massimo con le piccole?

“Abbiamo vinto contro le piccole e perso contro le grandi. Sono momenti della stagione in cui possono accadere certe cose. Ci vuole più costanza e cinismo, come ad esempio ha avuto il Siena contro di noi”

Quali indicazioni dopo Siena?

“Da gennaio abbiamo visto una squadra che sta tornando in forma, che in salute ma non è ancora abbastanza cinica e costante e domani dovremo esserlo sia in fase di possesso che di non possesso”

C’è un calo mentale o fisico?

“Se vedo come squadra si è presentata e come abbiamo subito i gol (Siena ndr), con 4 tiri in porta, significa che la componente individuale conta tanto. Ci vuole concentrazione e disciplina individuale. Dobbiamo sicuramente essere più concentrati e volenterosi”

Esperimento difesa a tre da accantonare?

“Adesso proveremo a due…(ironico ndr)Perchè dobbiamo accantonare? Per me ogni partita ha una sua storia e il modulo conta poco. Quello che conta per domani è vincere e passare il turno”

Domani forze fresche per sopperire ad un calo che sembra psicologico?

“Io penso che siamo mentalmente a posto, poi possono succedere i blackout che cambiano la gara, come successo a Siena. abbiamo tentato di reagire ma mancava convinzione. Dobbiamo essere più pronti ad aiutarci l’un l’altro quando qualche giocatore è in difficoltà”

Ederson è pronto per partire dall’inizio?

“Solo lui può saperlo, si deve provare e dargli qualche minuto in più- Pernso che stia mifgliorando fisicamente e sarà sempre più pronto per giocare”

Che partita si aspetta dal Borussia, arbitraggio e tifosi?

“Mi aspetto tutto uguale alla partita d’andata: Il Borussia che cercherà di sfruttare i nostri errori, l’abitraggio che non sarà condizionato e il pubblico ,questa volta, tutto dalla nostra parte”

Quanto è grande il suo rammarico per aver perso distanza dal vertice?

“Siamo andati un pò troppo in là, perchè abbiamo avuto una striscia di 16 risultati positivi che non vanno dimenticati. Dobbaimo guardare avanti con positività e dimostrare il nostro valore in ogni partita, ogni minuto, contro ogni avversario”

Nel proseguo sarà più facile la Coppa o il Campionato?

“Non c’è niente di facile, più si va avanti e meno possibilità c’è da fare bene. perchè in Coppa arriveranno avversari più forti, mentre in campionato saranno più motivati”. 

FLOCCARI:

Cosa manca a questa squadra?

“Ci manca ultimamente un pò di costanza. Prima di tutto mentale, dove dobbiamo crescere. Dobbiamo liberare la mente dalla sconfitta di Siena e avere la convinzione che siamo una squadra forte che sta lottando su tutti i fronti. Non dobbiamo smarrire la fiducia e presentarci domani con una grande voglia di riscatto. Loro non mollano mai, ma anche noi. Sarà una partita dura, ma sono sicuro che domani i nostri tifosi ci daranno una grande mano”.

Che confronto c’è stato ieri?

“E’ stato costruttivo, tra persone consapevoli di aver commesso un passo falso. Ci siamo guardati negli occhi e ci siamo ribaditi la fiducia l’uno nei confronti dell’altro. A volte il pericolo è che si inneschi un meccanismo sbagliato, ma non dobbiamo perdere la fiducia e la convinzione nei nostri mezzi. Un confronto positivo, ci tengo a chiarirlo, perchè ho letto di tutto in merito”.

Soddisfatto del tuo momento?

“Ho sempre detto che ero rimasto cercando di dare il massimo quando chiamato in causa. Non solo io, ma tanti altri lo stanno dimostrando, soprattutto chi ha giocato meno. Da questo punto di vista siamo contenti, ma per ora ci dobbiamo concentrare sulla costanza e riprendere il giusto cammino.Le mie energie però, in questo momento, vanno oltre il discorso personale”

Domani sera un tuo gol potrebbe regalare una storica qualificazione che manca da 10 anni..

“Spero possa arrivare in conseguenza alla prestazione di squadra, poi chiaro che come attaccante voglio segnare”.

Che differenze giocare da unica punta o con due?

“Sono sempre stato abituato a fare tutti e due i ruoli. Da unica punta devi legare molto il gioco, da seconda punta devi muoverti tra le linee e svariare un pò di più. Non ho preferenze, quello che conta è andare in campo con la mentalità giusta. E’ questo che fa sempre la differenza”

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy