CONFERENZA – Petko, ”A Palermo per vincere”

CONFERENZA – Petko, ”A Palermo per vincere”

ROMA – Domani sarà Palermo – Lazio. Petkovic, ha presentato la gara, parlando oggi in conferenza stampa. Ecco quanto evidenziato da Cittaceleste: “Andiamo a Palermo per vincere, come sempre. Non sarà facile affrontarli, perchè saranno motivatissimi, giocando anche in casa. Dobbiamo dare più del 100%. Ho ancora tanti dubbi sulla…

ROMA – Domani sarà Palermo – Lazio. Petkovic, ha presentato la gara, parlando oggi in conferenza stampa. Ecco quanto evidenziato da Cittaceleste:

“Andiamo a Palermo per vincere, come sempre. Non sarà facile affrontarli, perchè saranno motivatissimi, giocando anche in casa. Dobbiamo dare più del 100%. Ho ancora tanti dubbi sulla formazione, devo ancora valutare chi portare con me a Palermo stasera. Ma, sicuramente, siamo pronti a modificare il nostro modo di giocare, in ogni momento. Dopo l’allenamento, deciderò come sempre le convocazioni e domani mattina vedrò tutto il resto. La squadra ultimamente è cresciuta sotto tutti i punti di vista. Dopo un periodo vissuto non al massimo, che abbiamo comunque superato, ora dobbiamo tornare a giocare come sappiamo. Penso che la Lazio, ha dimostrato di essere un team maturo. Come tutte le altre, Juve,Inter o Napoli, abbiamo tanti obblighi e tanti doveri. Ci saranno alti e bassi, ma conterà moltissimo la testa e la mentalità”. Bisogna entrare in campo con il giusto approccio, e dominare. Domani voglio conferme, non risposte. Dobbiamo essere ancora più pro-attivi riuscendo a dominare l’avversario anche fuori casa. Modulo? A me piace una squadra capace di cambiare spesso atteggiamento, durante la partita o da un match all’altro. Le mie sono mosse positive, per cercare di cambiare le cose, anche in maniera importante. Mercato? Quando si fanno acquisti, si guarda anche l’equilibrio della squadra. Abdellaoue lo conosco. E’ un giocatore valido, che ha avuto qualche problema ultimamente. Potrebbe anche giocare in Italia.Il nostro gruppo, è talmente positivo, che non ci sarebbero problemi nell’inserimento di qualunque calciatore. Noi, siamo un gruppo che crede dall’inizio al lavoro che fa. Abbiamo due squadre davanti, dobbiamo dare il massimo, poi vediamo cosa faranno le nostre avversarie. Difesa a tre? Anche quando giochiamo a 4, si alterna. Non è questo che incide per segnare più o meno gol. Quello che conta è la testa, il sacrificio dei calciatori. I punti ridati al Napoli? se si è deciso quello che si è deciso, si vede che non sono colpevoli.Dico solo che chi è colpevole, deve essere punito.

MR/Cittaceleste.it

 



0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy