CONFERENZA – Petko, “Devono aver paura”

CONFERENZA – Petko, “Devono aver paura”

ROMA – Domani sera alla ‘Scala del Calcio’ andrà in scena una partita importantissima, per il buon proseguimento della stagione della Lazio. Ad attendere Petkovic e i suoi ragazzi, ci sarà un Milan voglioso di tornare solitario al terzo posto, ma, e di questo tutti ne sono certi, la squadra…

ROMA – Domani sera alla ‘Scala del Calcio’ andrà in scena una partita importantissima, per il buon proseguimento della stagione della Lazio. Ad attendere Petkovic e i suoi ragazzi, ci sarà un Milan voglioso di tornare solitario al terzo posto, ma, e di questo tutti ne sono certi, la squadra Capitolina, venderà certamente cara la pelle. Vladimir Petkovic, ha parlato nella consueta conferenza stampa pre – match, che Cittaceleste ha seguito come sempre live per voi.

LE DOMANDE DEI GIORNALISTI

Un commento su quello che è successo con la UEFA, riguardo la squalifica del campo per la partita di ritorno contro lo Stoccarda

Io sono l’ultimo che deve giudicare queste cose. Sicuramente non potremo lottare ad armi pari con gli altri e sicuramente è penalizzante non giocare davanti al nostro pubblico. Dovranno esserci le certezza anche della UEFA, che tutto quello che dicono sia accaduto. Io comunque dico, diventiamo più forti, e combattiamo anche questo.

La Lazio non vince a Milano dall’89..

Ogni due settimane sento una cosa diversa, tutte le squadre hanno queste statistiche. A me interessa andare a Milano a testa alta per dominare la partita. Noi più forti? La classifica dice di si. I due punti di vantaggio su di loro? Si vede che ce li siamo meritati. Loro però, sono in grande forma e lo hanno dimostrato anche contro il barcellona. Tutto il rispetto per loro, ma io credo nei miei ragazzi.

Dal punto di vista psicologico, lei vede un milan più gasato della Lazio?

Io non guardo l’altra squadra. Guardo la mia. Non siamo al massimo della forma anche per le tante assenze, ma sono sicuro che faremo una bella gara.

Come sta Floccari?

Beh, come sempre, io non voglio alibi per gli infortuni. Tutti quelli che sono in rosa, sono i migliori. Floccari sarà convocato, ma domani dopo l’allenamento, deciderò il da farsi.

Come si batte il Milan?

Non ci sono ricette. Non ne abbiamo e non ne abbiamo mai avute. Ripeto, dobbiamo credere in quello che stiamo facendo. In questo modo, potremo competere con tutti, come abbiamo fatto con Tottenham e Juventus.

Le grandi partite sono il palcoscenico migliore per la sua Lazio..

Non penso. Anche con le medie-piccole, all’inizio abbiamo fatto bene. Certo, è piu facile anche per la testa, esaltarsi contro le grandi.

Che difficoltà in più si aspetta rispetto alla gara di andata?

Il Milan, ha inziato la sua rinascita, dal nostro secondo tempo. Con Balotelli ha aggiunto un tassello molto importante, che da ancora più classe ad una squadra già ottima. In diverse partite, comunque, hanno dimostrato di non essere imbattibili. Anche loro devono avere paura di noi.

E da allora, la Lazio è cambiata?

Dopo 40 partite, cambiano tutte le squadre, quindi si. Spero che con il ritorno di tanti infortunati, potremo fare ancora meglio.

E’ arrivata la prima vittoria senza Klose..

L’ultima cosa che ci preoccupava, era questa. Noi abbiamo avuto tante opportunità, spesso. Miro per noi è importante, ma abbiamo spesso dimostrato di essere competitivi, anche senza questo o quel giocatore.

Un commento su Pereirinha..

Non so se domani giocherà. Devo ancora decidere. Ha dimostrato nell’ultima partita di essere un giocatore interessante: ha qualità e velocità. Gli mancano ancora un po’ di meccanismi, ma ci darà soddisfazioni.

Sarà una partita decisiva?

Sarà importante. Se vinciamo noi, possiamo fare un grande salto, ma il campionato è lungo. Qualunque sarà il risultato, noi lotteremo fino alla fine. Giocheremo in uno stadio importante, sarà una festa del calcio. Sono abituato a questo genere di clima.

Che risultato preferirebbe nel match fra Napoli e Juve?

Sicuramente, tutti speriamo possa essere un bel match. Se vince la Juve, si distaccherebbe definitivamente, o quasi dal secondo posto, se vince il Napoli, invece, si riaprirebbe un po’ tutto.

Ritiene il Milan l’avversario piu pericoloso per il terzo posto?

Io guardo i punti. Il Milan è in grande forma. Ci sono tante squadre, 5 o 6, che lottano per il terzo posto e il Milan è fra queste. Non preparerò nulla di particolare, io guardo la mia squadra.

Che cosa ad oggi può dire di aver trasmesso a questa squadra?

Non devo fare io questo genere di valutazioni. Lo deve fare la società o voi giornalisti, per comparare come era la Lazio prima o dopo del mio arrivo. Abbiamo inziato un processo diversi mesi fa, ma possiamo e dobbiamo dare di più.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy