PAIDEIA – Controlli per Konko, Hernanes, Ederson e Pereirinha

PAIDEIA – Controlli per Konko, Hernanes, Ederson e Pereirinha

ROMA – Esami “di massa” quest’oggi presso la clinica Paideia, dove si sono presentati quattro giocatori biancocelesti: Hernanes, Ederson, pereirinha e Konko. I primi due sono utilizzabili nell’immediato, ma anche in considerazione delle numerose assenze per infortunio o squalifica, sono stati opportunamente controllati. Il primo ad arrivare è stato l’esterno…

ROMA – Esami “di massa” quest’oggi presso la clinica Paideia, dove si sono presentati quattro giocatori biancocelesti:  Hernanes, Ederson, pereirinha e Konko. I primi due sono utilizzabili nell’immediato, ma anche in considerazione delle numerose assenze per infortunio o squalifica, sono stati opportunamente controllati.

Il primo ad arrivare è stato l’esterno portoghese, alle 13 in punto, per effettuare una risonanza magnetica alla coscia destra, al fine di valutare lo stato dellla lesione occorsa prima della sfida con il Catania. La riabilitazione procede con qualche rallenatamento e, a fronte degl’iniziali 7-10 giorni previsti, il suo rientro non è previsto prima della gara interna con la Juventus di lunedi.

Il secondo a fare capolino nella struttura sanitaria di riferimento biancoceleste, a sorpresa, è stato Anderson Hernanes in compagnia della moglie e del suo ultimo neonato (terzo figlio ndr). Il motivo della risonanza effettuata è da ascrivere ad un fastidio alla coscia destra, prontamente controllato dallo staff sanitario. Per il profeta non sembrano esserci problemi di sorta, la sua presenza con il Fenerbahce è assicurata, oltre che necessaria.

In terza battuta è stato il turno di Abdoulay Konko, alle prese con la lesione del legamento collaterale mediale del ginocchio destro, la quale riabilitazione sembra registrare un intoppo. Il francese ha ricominciato a correre, seppur in maniera blanda, ma accusa un dolore durante l’esercizio. Quanto basta per motivare, anche per lui, l’ennesima risonanza odierna. Per ora l’obiettivo clinico è quello di scongiurare ogni ipotesi di ricaduta, pertanto i tempi di recupero sono da rivedere nei termini inizialmente prescritti. Si attendono in questo senso, comunicazioni ufficiali da parte della società.

Ultimo della fila, giunto in Paideia per vierificare lo stato della caviglia malconcia, è stato Honorato Ederson. Tutta colpa della botta rimediata in Turchia, che però non lo fermerà in vista della sfida di ritorno. Anche lui, come il collega brasiliano Hernanes, dovrà rispondere alla chiamata del tecnico per cercare il clamoroso ribaltone in Europa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy