FORMELLO – Stop Gonzalez e rebus modulo – VIDEO

FORMELLO – Stop Gonzalez e rebus modulo – VIDEO

FORMELLO – Vigilia di Lazio-Fenerbahce, dove la squadra romana sarà chiamata all’impresa, per ribaltare il 2-0 subito all’andata. Una vera e propria ‘mission impossible’, visto il pieno stato di ermegenza che lascia mister Vladimir Petkovic all’osso delle soluzioni a disposizione. Dias, Konko e Pereirinha sono out a causa dei rispettivi…

FORMELLO – Vigilia di Lazio-Fenerbahce, dove la squadra romana sarà chiamata all’impresa, per ribaltare il 2-0 subito all’andata. Una vera e propria ‘mission impossible’, visto il pieno stato di ermegenza che lascia mister Vladimir Petkovic all’osso delle soluzioni a disposizione. Dias, Konko e Pereirinha sono out a causa dei rispettivi infortuni, mentre Radu, Ederson e Klose sono da annoverare tra gli acciaccati che, gioco-forza, dovranno stringere i denti (con tanto di possibili infiltrazioni per i primi due). Con Mauri e Onazi squalificati, si dovrà fare di necessità virtù. Questa volta è difficile parlare, come ripete spesso il tecnico, di “migliore undici possibile”, bensì dell’unico undici utilizzabile. O quasi. Il crucci di Petkovic però, non finiscono qui, perchè c’è da scegliere con quale modulo disporre in campo i suoi ragazzi.

Si ferma Gonzalez, rebus modulo – Il centrocampista uruguayano oggi aveva iniziato la seduta in regime differenziato, ma il problema alla pianta del piede destro che lo assilla da settimane l’ha costretto ad abbandonare la seduta. Se ieri i dubbi erano tutti su Stefan Radu e Miroslav Klose, oggi chi rischia di non esserci invece, è proprio il numero 15 biancoceleste. Un’assenza che scombinerebbe ogni possibile piano tattico che non preveda inedite alchimie. Tant’è che due possibili piani d’emergenza sono stati pensati, e in parte provati. Uno è quello di un classico 4-4-2, l’altro conduce al 3-4-3 tanto caro all’allenatore croato, con Ederson e Candreva a supporto dell’unica punta. In entrambi i casi Lulic stazionerebbe sulla fascia destra, con Radu sull’out opposto, con la differenza dell’inserimento di un difensore (Ciani) al posto di una delle due punte. Per scongiurare queste eventualità ed affidarsi ad un più collaudato 4-4-1-1, si confida in un recupero last minute del Tata Gonzalez.

Kozak su tutti – L’attaccante ceco è quello che può vantare la condizione migliore. Floccari è appena rientrato dall’infortunio muscolare alla coscia destra, senza aver accumulato alcun minuto nell gambe. Klose invece, pur avedo effettuato il rodaggio previsto che ha portato alla presenza nel derby, non è in perfetta forma ed è reduce dalla tacchettata alla caviglia di De Rossi. In caso di due punte stringerà i denti e ci sarà una staffetta con Sergio Floccari, altrimenti partirà dalla panchina pronto ad entrare in corso d’opera. In difesa invece, è scontato l’impiego di Lorik Cana in coppia con Giuseppe Biava, mentre in mediana Hernanes si affiancherà a Ledesma in ogni caso. Candreva e Lulic saranno gli esterni offensivi, Ederson agirà da seconda punta. Se e solo se, naturalmente, Alvaro Gonzalez regalerà al tecnico di Sarajevo la gioia di un recupero fondamentale. Tutto si deciderà nell’ultimissima sgambatura prevista per domani mattina.

PROBABILE FORMAZIONE:

Lazio (4-4-1-1): 22 Marchetti – 15 Gonzalez (Lulic), 20 Biava, 27 Cana, 26 Radu – 87 Candreva, 24 Ledesma, 8 Hernanes, 19 Lulic (Ederson) – 7 Ederson (Klose) – 18 Kozak

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy