De Biasi: “Lazio su Kace? Ora è fuori rosa per un’ingenuità”

De Biasi: “Lazio su Kace? Ora è fuori rosa per un’ingenuità”

di SIMONE IPPOLITI ROMA – Nel corso della trasmissione “IO TIFO LAZIO” in onda su Cittaceleste.it e condotta da Simone Ippoliti e Gigi Corino, è intervenuto in esclusiva l’attuale c.t. della nazionale albanese Gianni De Biasi, parlando naturalmente dei biancocelesti Cana e Berisha, ma soprattutto dell’obiettivo di mercato Ergys Kace,…

di SIMONE IPPOLITI ROMA – Nel corso della trasmissione “IO TIFO LAZIO” in onda su Cittaceleste.it e condotta da Simone Ippoliti e Gigi Corino, è intervenuto in esclusiva l’attuale c.t. della nazionale albanese Gianni De Biasi, parlando naturalmente dei biancocelesti Cana e Berisha, ma soprattutto dell’obiettivo di mercato Ergys Kace, ormai fuori rosa dal Paok Salonicco a causa di un’ingenuità.

“Ha fatto una leggerezza. Tempo fa si è fatto fare una fotografia con addosso una maglietta dove era ritratta l’effige dell’aquila bicefala che rappresenta il simbolo dell’Albania, ma sopra c’era una sigla di  un movimento del Kosovo (U.C.K. Ushtria Çlirimtare e Kosovës ndr) in contrapposizione netta con greci e serbi. Per questo – aggiunge De Biasi – a Salonicco è successo un disastro! Ho parlato con Zizis Vryzas, braccio destro del Presidente del Salonicco e mio ex giocatore a Torino e mi ha detto che in città, circa 50 tifosi avevano manifestato contro il gesto di Kace. Ma lui – precisa il Mister – nemmeno sapeva cosa volesse dire quella scritta, evidentemente non ci ha fatto nemmeno caso. Non aveva ancora 20 anni, ma il tutto è stato strumentalizzato arrivando al punto di non poter più giocare con il club che l’ha messo fuori rosa. Tutto questo è assurdo e ci lascia interdetti”.

Da un punto di vista tecnico, ecco cosa ne pensa De Biasi che già lo ha convocato nella sua nazionale: “E’ un giocatore piccolo fisicamente, ma bello tosto in mezzo al campo capace di vincere quasi tutti i contrasti. Dalle statistiche del campionato greco, è risultato come miglior assistman nei passaggi in filtranti, mandando in rete i compagni di squadra. E’ talmente giovane che può solo migliorare e – smentendo alcune voci in circolazionenon l’ho mai utilizzato come terzino destro. E’ un centrocampista puro che può essere schierato in qualsiasi posizione della mediana a 3 o a 4. Per me – conclude De Biasi – il fatto che possa venir a giocare in Italia sarebbe l’ideale. So che lo seguono anche altre squadre e il suo addio a gennaio dal Paok è certo”.

Erit Berisha che sarà titolare nel match contro il Legia Varsavia, ha parlato con De Biasi della sua esperienza con la maglia della Lazio: “Erit è felicissimo di essere arrivato in una piazza importantissima e in una squadra dove c’è Marchetti, che sarà per lui un riferimento di rilevo. Ha la possibilità adesso di lavorare in maniera seria e costruire una sua nuova impostazione. Lui non ha mai avuto maestri e se è adesso è un portiere, è frutto della sua connatura capacità di essere portiere. In Europa League ha fatto una parata strepitosa che ha salvato il risultato. E’ un misto tra  genio e sregolatezza anche se caratterialmente è un ragazzo riflessivo. Lo chiamo Iceman, perché non si impressiona di nulla, allenamento o finale di Champions League che sia, anche, avrebbe la stessa reazione. E’ molto bravo nelle uscite alte e questo da sicurezza al reparto. Deve migliorare intanto con l’italiano per comunicare con la difesa. Erit – aggiunge De Biasilavora con Grigioni, un preparatore molto bravo”.

Infine, i complimenti vanno a Lorik Cana capitano della sua nazionale albanese: “Sono molto contento che Lorik abbia fatto gol nell’ultimo turno contro la Sampdoria, salvando la Lazio e portandola ad un pareggio molto importante. Lui è un giocatore carismatico e può essere criticato come tutti per le prestazioni in campo, ma di certo è un calciatore che in ogni impegno sia con la Lazio sia con la nazionale da il 100%”.

Cittaceleste.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy