ESCLUSIVA – Anche lo spogliatoio riaccoglie Keita: “Conta la Lazio, decida la società”

ESCLUSIVA – Anche lo spogliatoio riaccoglie Keita: “Conta la Lazio, decida la società”

Atteso anche un confronto con i senatori Lulic e Biglia, di rientro domani a Formello dall’Argentina

di ALBERTO ABBATE e RAMONA MARCONI

ROMA – Perdono. Se quel che è fatto è fatto, lui però chiede scusa. Keita a Formello regala un sorriso, Inzaghi gli riporge la rosa: in un abbraccio la nuova pace si posa. Perdono, Keita vuole esserci già a Verona. Segna e dribbla, canta sul pallone e si autosprona. Pagherà multe, pagherà pegno, dimenticate il tradimento. Et voila, è tornato Keita. Inzaghi è già al settimo cielo, il suo 4-3-3 era appeso al suo reintegro. Ma la normalità dovrà tornare a piccoli passi. Oggi il confronto con Lulic di rientro dalla Bosnia, domani con Biglia dall’Argentina, ma lo spogliatoio quasi all’unanimità – secondo le nostre ultime indiscrezioni – ha già deciso e risposto al tecnico ieri sul reintegro: «Mister, a noi non interessa di Keita, conta la Lazio. Decida la società cosa vuole farne». Palla in mano a Lotito, come vi avevamo già detto. Non a Tare, ormai fuori dalle scelte tecniche. Ieri invece il chiarimento anche con il dt Peruzzi, travolto da un botta e risposta, fra comunicati e post social, per l’infortunio «immaginario» alla vigilia di Atalanta-Lazio. Inzaghi convocherà Keita per Verona, ma i prossimi allenamenti e l’impegno del Balde giovane dovranno dare ulteriori segnali per un posto in campo. Subito o più avanti: CONTINUA A LEGGERE

cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy