Parla Ballotta: “Serve un cambio”

Parla Ballotta: “Serve un cambio”

ROMA – Ai microfoni della nostra trasmissione, “Io Tifo lazio”, è intervenuto l’ex portiere biancocelste Marco Ballotta che porta ancora con sè il record di longevità per quanto riguarda il calcio italiano. L’ex estremo difensore continua a giocare nelle serie minori ma come attaccante: “La mia squadra è biancoazzurra e…

ROMA – Ai microfoni della nostra trasmissione, “Io Tifo lazio”, è intervenuto l’ex portiere biancocelste Marco Ballotta che porta ancora con sè il record di longevità per quanto riguarda il calcio italiano. L’ex estremo difensore continua a giocare nelle serie minori ma come attaccante: “La mia squadra è biancoazzurra e quest’anno ho segnato quattro gol in cinque partite: vi servo?”. Un collegamento aperto tra le risate per sdrammatizzare questo momento poco felice per i capitolini che ieri hanno deluso nuovamente le aspettative con lo zero a zero rimediato contro i ciprioti dell’Apollon.

Cosa ci vuole per uscire da questa situazione tanto infelice? “Bisogna trovare questa vittoria giocando come erano abituati lo scorso campionato. Questo è un problema perchè sinceramente giocatori di una certa esperienza ci sono e hanno solo bisogno di una scossa. Poi la squadra bisogna viverla settimanalmente. Ultimamente non c’è quel gioco che l’anno scorso ha sempre contraddistinto la Lazio”.

 

Si continua a parla di cambiamenti in panchina. Cosa ne pensa Ballotta? “Quando ci sono cambiamenti da fare bisogna stare attenti perchè poi la situazione può svoltare in modo negativo, c’è da valutare e da capire. Certamente non è una bella Lazio ma manca anche Stefano Mauri che secondo me è parecchio importante”.

Si parla di sostituti che dovresti conoscere: Mihajlovic, Sensini e Nesta. Un tuo parere? “Sinisa può dare tante garanzie perchè lo sta dimostrando di essere bravo come allenatore. Nestor da giocatore ricordo aveva anche grande visione di gioco e ora sta sfruttando le sue caratteristiche anche in panchina perchè studia bene la partita. Per Nesta è ancora troppo presto. Comunque per ora c’è Petkovic…”

Ma Vladimir Petkovic nelle interviste sembra sempre molto ottimista: sicuramente più dei tifosi! “Sta dando fiducia alla squadra. Beh dopotutto è mancato il gol, solo che sembrano davvero poco convinti sotto porta. In passato questa partita si sarebbe vinta a suon di gol. Magari secondo lui la prestazione è davvero positiva nonostante il tifoso si aspettasse di più. Però c’è da fare un cambio semi-radicale per tornare alla Lazio di prima”.

Alessandro Nesta ha lasciato il calcio. “Nesta è stato mio compagno di camera per tre anni, era piccolo. Ricordo quando Mancini, sotto la doccia, gli diede la fascia di campitano dopo una decisione unanime. Già a quella età si vedeva che era un ragazzo con la testa sulle spalle e lo ha sempre dimostrato”.

cittaceleste.it

 

 

http://www.corrieredellosport.it/video/curiosita/2013/10/24-74619/Inter%2C+ti+ricordi+Vivas%3F+Perde+la+testa%2C+cazzotto+al+tifoso

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy