ESCLUSIVA – Cardone: “Matri alla Lazio grazie a Balotelli. Ho parlato con Galliani e…”

ESCLUSIVA – Cardone: “Matri alla Lazio grazie a Balotelli. Ho parlato con Galliani e…”

“Sulla cedibilità di Matri, Galliani mi disse che non c’erano possibilità. E’ arrivato alla Lazio grazie all’arrivo di Balotelli in rossonero. Altrimenti – Alessandro – sarebbe stata l’unica riserva di Bacca e Adriano e per questo sarebbe rimasto in rossonero”

balotelli,ipotesi,lazio,sampdoria,pedullà

(Pubblicato ieri 14 settembre) ROMA – Ai microfoni di CITTACELESTE FM, in onda su ELLE RADIO 88,100 dal lunedì al venerdì dalle ore 17,30 alle 19,30 e su CITTACELESTE TV canale 669 del digitale terrestre, è intervenuto il giornalista di Repubblica Giulio Cardone. Argomento iniziale, la coesistenza (futura) Matri-Klose: “Prima di tutto iniziamo col dire che secondo me – Klose – lo rivedremo dai primi di novembre. Negli ultimi anni Miro ha imparato a muoversi come regista offensivo e per questo credo che possa pure coesistere con Matri. Detto questo, penso che una cosa del genere si possa adottare in momenti particolari. Quella delle due punte non è una cosa che mi fa impazzire”. La Lazio: “Rispetto allo scorso anno mi pare che la Lazio abbia meno giocatori in area. Anzi, crea proprio meno palle gol”. Calciomercato: “Forse a settembre c’è ancora qualche movimento. Io pensavo fosse l’anno giusto per Borini: a Tare piace tantissimo. Non ci sono state idee chiare anche sulla situazione di Djordjevic e questo potrebbe aver complicato un po’ le cose. Sulla cedibilità di Matri, Galliani mi disse che non c’erano possibilità. E’ arrivato alla Lazio grazie all’arrivo di Balotelli a Milano. Altrimenti – Alessandro – sarebbe stata l’unica riserva di Bacca e Adriano e per questo sarebbe rimasto in rossonero”. Il match con l’Udinese: “Secondo me le condizioni del campo hanno complicato tutto. Ma una cosa positiva la vedo nel futuro di Keita: ora è assolutamente all’interno del progetto-Lazio. Questo mi rende davvero felice. Sono contento perchè il ragazzo lo merita. Ma credo che Pioli stia iniziando a vedere come alternativi e non complementari Anderson e Candreva. Non a caso l’uno fa bene quando l’altro non c’è. Non vorrei che sia nato un nuovo dualismo”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy