Fuser: “Mai amore fra Laziali e Lotito”

Fuser: “Mai amore fra Laziali e Lotito”

di SIMONE IPPOLITIROMA – Nel corso della trasmissione “Io Tifo Lazio” condotta da Simone Ippoliti in onda su CITTACELESTE TV, è intervenuto in esclusiva l’ex biancoceleste Diego Fuser per commentare il difficile momento della Lazio e le ultime dichiarazioni del Presidente Lotito.Sulle dichiarazioni del Presidente biancoceleste Lotito ospite del “Processo…

di SIMONE IPPOLITI

ROMA – Nel corso della trasmissione “Io Tifo Lazio” condotta da Simone Ippoliti in onda su CITTACELESTE TV, è intervenuto in esclusiva l’ex biancoceleste Diego Fuser per commentare il difficile momento della Lazio e le ultime dichiarazioni del Presidente Lotito.

Sulle dichiarazioni del Presidente biancoceleste Lotito ospite del “Processo del Lunedì” – Lo scudetto del 2000 lo sento anche un po’ mio: “Cosa? (ride ndr), beh penso che la sua sia stata una battuta. Lo scudetto è di chi lo gioca. Poi, se dopo quando è arrivato ha risanato i conti, è stata una scelta, nessuno l’ha costretto”.

“La protesta? Innanzitutto giocare in uno stadio vuoto è una cosa tristissima. I tifosi aiutano molto i giocatori, specialmente nei momenti di difficoltà durante la partita. Penso che tra Lotito e la gente laziale non sia mai sbocciato un vero e proprio amore. Seguo sempre le sorti della Lazio, non è mai nato un rapporto sincero, reciproco. Era già complicato all’inizio, adesso si è sfasciato il tutto. Bisogna trovare una via di mezzo, un punto di incontro”.

 

“In Italia adesso non ci sono soldi per fare delle grandi squadre. Basti vedere il Milan e i risultati che specialmente ha ottenuto in Europa. Balotelli? Personalmente quando giocavo davo il massimo, ma lui ha un atteggiamento fastidioso..se giocava con me ci litigavo ogni giorno (ride ndr). Sono convinto che se l’altro giorno contro l’Atletico ci fosse stato Capello in panchina, l’avrebbe tolto dopo pochi minuti”.

Lazio, Parma e Milan, le tre squadre che hanno scandito la carriera di Diego Fuser in lotta per il sesto posto in classifica: “La Lazio è attesa da una partita molto difficile contro il Cagliari. Deve ritrovare le giuste motivazione per cercare di tornare a casa con qualche punto. Senza nascondermi, sono molto diretto, spero che ci vada la Lazio. Non ho mai nascosto l’amore per questi colori. Anche quando segnavo contro una mia ex squadra, esultavo. Molti fanno finta di nulla, abbassano la testa”. 

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy