Berisha patteggia 10 giorni di squalifica

Berisha patteggia 10 giorni di squalifica

AGGIORNAMENTO ORE 20,00 – A conferma delle nostre indiscrezioni, ecco il comunicato ufficiale apparso sul sito della Figc: “Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione disciplinare, preso atto della richiesta di patteggiamento del Brescia e dato che gli accordi raggiunti nella riunione odierna devono essere trasmessi dal Procuratore federale alla Procura…

AGGIORNAMENTO ORE 20,00 – A conferma delle nostre indiscrezioni, ecco il comunicato ufficiale apparso sul sito della Figc:

Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione disciplinare, preso atto della richiesta di patteggiamento del Brescia e dato che gli accordi raggiunti nella riunione odierna devono essere trasmessi dal Procuratore federale alla Procura Generale dello Sport del Coni, ha rinviato al 19 marzo la decisione sul deferimento a carico della società. Il procedimento riguarda anche l’Amministratore Unico Luigi Corioni, che nella riunione dello scorso 15 gennaio aveva presentato a sua volta una precedente richiesta di patteggiamento che aveva portato al primo rinvio. La società lombarda era stata deferita lo scorso 9 dicembre “per non aver documentato l’avvenuto deposito della fideiussione bancaria di 800mila euro nei termini stabiliti dalla normativa federale e l’avvenuto pagamento degli emolumenti dovuti, fino ad aprile 2014, ai propri tesserati, dipendenti e collaboratori e per non aver depositato l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps”.
Rinviata al 19 marzo anche la riunione relativa al deferimento dell’Ischia Isola Verde, del suo Presidente Maurizio Fusco e del Legale rappresentante Vittorio Di Bello, in virtù della richiesta di patteggiamento di quest’ultimo. La società era stata deferita “per non aver documentato agli Organi Federali competenti l’avvenuto deposito della fideiussione bancaria a prima richiesta dell’importo di 600mila euro nei termini stabiliti dalla normativa federale”.
Il TFN, preso atto della richiesta di patteggiamento, ha rinviato alla riunione del 19 marzo anche la decisione sul deferimento a carico del portiere della Lazio Etrit Berisha. L’estremo difensore biancoceleste era stato deferito per aver sottoscritto un doppio tesseramento con la Lazio e il Chievo Verona.
Per la tardività del pagamento all’allenatore Giuseppe Galderisi delle somme poste a carico della società US Salernitana dal Collegio arbitrale presso la Lega Pro, il Tribunale Federale ha inflitto un’inibizione di 20 giorni all’Amministratore Unico Luciano Corradi e un’ammenda di 2500 euro alla società campana. Decisa anche un’ammenda di 1500 euro alla Fidelis Andria e la squalifica di 20 giorni del tecnico Giancarlo Favarin per aver rilasciato alcune dichiarazioni lesive dell’onorabilità dei componenti della dirigenza della società AS Bisceglie 1913“.

PER CONSULTARE IL DISPOSITIVO CLICCA QUI

AGGIORNAMENTO ORE 16,23 – Gentile, secondo quanto da noi raccolto in esclusiva, ha  patteggiato davanti alla commissione disciplinare 10 giorni di squalifica per Berisha per il doppio tesseramento. Adesso – secondo il nuovo regolamento della Giustizia Sportiva – sullo stesso patteggiamento dovrà decidere, se accoglierlo o meno, la Superprocura del Coni, il prossimo 19 marzo.

 

 

ROMA – Mentre in Procura è il turno di Iodice convocato per la telefonata con il Presidente Lotito, all’improvviso appare anche l’avvocato della Lazio, Gentile. Il legale biancoceleste, secondo indiscrezioni raccolte dalla nostra redazione, presenterà un fascicolo alla commissione disciplinare riunita davanti al Presidente Artico, legato al caso-Berisha. Il portiere albanese era sto deferito dalla Procura Federale per aver sottoscritto due tesseramenti prima con il Chievo depositato all’ufficio tesseramenti in data 30 luglio 2013 e poi con la Lazio presentata alll’ufficio tesseramenti in data 1/2 settembre 2013.Oltre alla questione del portiere albanese sul banco anche altre questioni legate alla Salernitana.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy