ESCLUSIVA – Morabito: “Morrison è un fenomeno. Lazio vicina a Douglas”

ESCLUSIVA – Morabito: “Morrison è un fenomeno. Lazio vicina a Douglas”

Lazio vicina a Douglas secondo l’agente Fifa Vincenzo Morabito

Douglas

(Pubblicata ieri 4/11) ROMA – Vincenzo Morabito, agente Fifa, è intervenuto a CITTACELESTE FM, in onda sugli 88,100 di Elle Radio e su CITTACELESTE TV, canale 669 del digitale terrestre: “Tutti noi dobbiamo molto a Cragnotti, che è stato tolto di mezzo dal mondo delle banche e della politica. Il mondo della politica è molto vicino al calcio. Guardate quello che sta succedendo a Genova con Ferrero e Preziosi. La Lazio chi gliel’ha data a Lotito? Una banca e lo stesso è successo alla Roma. C’è un governatore a Genova che ha capito che il calcio porta voti. Io parlo con il cuore, mi dispiace trovarci vicini al derby con una squadra che non è all’altezza della situazione”.

MERCATO – “Io ho portato Oscar Lopez? Nella Lazio attuale ci sono giocatori molto peggiori . Tare ha detto che a gennaio non si farà trovare impreparato? Beh, negli ultimi tre mercati ha preso Pereirinha, Postiga, Saha ed Alfaro. Per dire. Vlaar? E’ parecchio che non gioca, ma lo prenderei a occhi chiusi. Credo che la Lazio andrà su Douglas, questo è quello che mi risulta: come rapidità nel breve non mi sembra il massimo. Io prenderei Tonelli, che è il migliore, almeno tra i nomi usciti. Balanta? Non mi risulta che sia mai stato avvicinato alla Lazio”.

MORRISON – “Ho lavorato con il suo procuratore, Nick Rubery. Ravel è un fenomeno a livello tecnico, ma il suo problema è mentale. Se lo tengono fino alla fine del contratto? Non ci puoi fare soldi, devi lavorarci mentalmente. Ci ha provato Ferguson, ma non ci è riuscito. E’ un bravissimo ragazzo, ma non ha la mentalità giusta: fa delle cose per talento, ma non è pronto per giocare con una squadra che ha impegni importanti. Prima che arriva la partita, sente un po’ di paura,bisogna che gli stia vicino un bel mental coach. Deve essere motivato. Non è un mistero, so quello che può dare e quello che non riesce a dare. Ci sono dei dirigenti che quando acquistano giocatori, li vedono sul posto e seguono gli allenamenti e la vita privata: poi ci sono altri che stanno seduti dietro una scrivania”.

TARE – “Era direttore anche all’interno dello spogliatoio. Lotito? E’ soddisfatto di lui e lo ritiene funzionale al progetto. Comunque è arrivato al preliminare di Champions League con una squadra inadeguata. A Lotito direi grazie per averci salvato, ma ci si aspetta un po’ di più”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy