ESCLUSIVA – Napolitano Jr.: “Laziale dall’asilo” – VIDEO

ESCLUSIVA – Napolitano Jr.: “Laziale dall’asilo” – VIDEO

MAZZANO ROMANO – Evento intriso di lazialità alle porte di Roma quello organizzato dal Lazio Club Quirinale nella località di Mazzano Romano. Alla presenza delle più alte cariche del club, presidente e vice presidente, sono state consegnate quattro targhe con relative tessere da “Socio VIP” a Pino Wilson, Giancarlo Oddi,…

MAZZANO ROMANO – Evento intriso di lazialità alle porte di Roma quello organizzato dal Lazio Club Quirinale nella località di Mazzano Romano. Alla presenza delle più alte cariche del club, presidente e vice presidente, sono state consegnate quattro targhe con relative tessere da “Socio VIP” a Pino Wilson, Giancarlo Oddi, Felice Pulici e Giancarlo Oddi. E’ possibile con il video sottostante ripercorrere la giornata con le interviste di Cittaceleste.it sul posto e l’intervento di Giulio Napolitano, figlio dell’ex Presidente della Repubblica Giorgio, che ha raccontato l’interessante storia della nascista della sua lazialità: “L’ho vissuta nel modo più discreto possibile. Mi sono sempre sentito a casa, asssito ben voluto, in un posto molto importante per lavorare per il nostro Paese. La Lazio è stata una scelta autonoma, da quando ero molto piccolo, a 5 anni,senza condizionamenti familiari. L’ho decisa mentre ero all’asilo, influenzato da questi ragazzi del 74 quando vincemmo lo Scudetto. Noi della Lazio riusciamo anche a vivere delle vicende incredibili, già l’anno dopo finimmo dietro la Roma e tutti i miei compagni dell’asilo diventarono romanisti, per puntiglio rimasi laziale e mi sono trascinato questa passione fino a oggi. La Lazio ha tante peculiarità , ha tanti difetti e virtù, è un mondo ricco e articolato anche grazie alla Polisportiva. Il calcio,la vita e le iniziative sociali, è bello quindi far parte del Lazio club Quirinale”.

 


LAZIO CLUB QUIRINALE (LOW DEF) – MAZZANO ROMANO… di cittaceleste

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy