ESCLUSIVA – Paolini: “Lazio, Anderson il tuo biglietto da visita per il Brasile”

ESCLUSIVA – Paolini: “Lazio, Anderson il tuo biglietto da visita per il Brasile”

ROMA – Il mercato è sempre in fermento e, come spesso accade, abbiamo chiesto un parere a Stefano Paolini, consulente di mercato per il Brasile, uno degli addetti ai lavori,che ha sempre creduto in Felipe Anderson, fin dal primo giorno in cui è arrivato alla Lazio. Perchè è stato un…

ROMA – Il mercato è sempre in fermento e, come spesso accade, abbiamo chiesto un parere a Stefano Paolini, consulente di mercato per il Brasile, uno degli addetti ai lavori,che ha sempre creduto in Felipe Anderson, fin dal primo giorno in cui è arrivato alla Lazio.

 

Perchè è stato un bene per la Lazio aver prolungato il contratto di Felipe Anderson? “Siamo alla commistione di intenti mgliore per la serie A, tra l’allenatore la società e il giocatore. E’ stato un affare per tutti. Quanto per Felipe Anderson che per la società. Pioli e Anderson si sono valorizzati a vicenda, il mister ha fatto un lavoro eccezionale sul ragazzo. La squadra va bene, lo stesso allenatore si valorizza, è stata una delle cose più positive per la Lazio. La società ha dato una dimostrazione di forza, proprio qundo iniziavano gli assedi di tutta Europa per assicurarsi il ragazzo, ha dato lustro alla società stessa in tutta Europa. Proprio ricordando che si tratta di un acquisto stile Shakthar. La squadra Ucraina vince spesso il campionato, i brasiliani sono 11. Lo Shakthar ti vende i giocatori ma al prezzo che dicono loro, anche per Felipe Anderson si tratterebbe, in caso di cessione, di una plusvalenza notevole come fa lo Shakthar che vende i propri gioielli per un valore non negoziabile E’ quello che hanno fatto per Luiz Adriano con la Roma, ora andrà via a parametro zero, ma il paragone più giusto è con Willian ceduto al Chelsea per una cifra notevole. Futuramente una società che volesse acquistare Anderson potrebbe essere un affare anche per lui che potrebbe pretendere uno stipendio più elevato partendo da una base comparativaa più alta. E’ stata una cosa naturale, la Lazio lo ha aspettato due volte, la prima da gennaio a luglio, la seconda lo ha aspettato dal punto di vista tecnico. Anche li, grazie a Pioli, ha dimostrato che questa fiducia era ben riposta. Abbiamo visto come lui stesso stia andando molto bene e stia usando al meglio la sua duttiltà tattica, la prontezza al tiro, nel Santos non aveva questa caratteristica che sta migliorando, ma sta dimostrando anche un grande spirito di scrificio, ritorna spesso anche in difesa, cosa che non accadeva in passato. Al Santos, ha fatto anche il mediano. Un domani, a fine carriera, potrebbe tornare a ricoprire questo ruolo avendo dei piedi molto raffinati

 

 

Tare, per il mercato di giugno, sta sondando il Brasile?Sta sondando qualcosa, adesso come adesso, Felipe Anderson può fare da viatico per la Lazio che si pone sul mercato brasiliano come una società che prende i giovani emergenti e li fa esplodere. Oggi una società brasiliana che vede un emissario della Lazio, pensa che possa acquistare e valorizzare un loro giocatore. E questo potrebbe essere un vantaggio nelle trattative. La società brasiliana potrebbe fare uno sconto alla Lazio, mettendo una percentuale sulla vendita futura del ragazzo, prendendo a modello quello che è successo con la valorzzazione di Felipe Anderson. Sarebbe un affare anche per il ragazzo giovane, perchè sa che la Lazio lo tratterebbe come Felipe Anderson, aspettandolo e valorizzandolo al massimo”.

 

C’è qualche giovane interessante che consiglieresti alla Lazio e alle società italiane?Il giovane del momento – già uscito in passato – è Gerson del Fluminense. Ha il contratto in scadenza nel 2019, un giocatore molto interessante, mancino, molto abile a trasformare ogni pallone in assist di prima, ha 17 anni, è del Fluminense che ne detiene il 60% del cartellino. Ancora non ha un ruolo definito, è da plasmare, per un allenatore come Pioli potrebbe essere una bella sfida. Ha esordito in prima squadra un mese fa e ha anche segnato un gol. Ha anche delle presenze con le nazionali giovanili del Brasile e con l’Under 20 e possiede passaporto brasiliano. C’è già la Juventus che si è interessata a questo giocatore e il padre, che è il procuratore, ha visto l’interesse dell’Italia come una bella opportunità, preferendolo all’interesse delle spagnole. Tornando al discorso di prima, la Lazio potrebbe inserirsi, ma ad oggi non c’è nulla di concreto”,

 

 

Mauricio è stato una bella scoperta?Si, è stato un acquisto azzeccato, ha fatto vedere subito la sua personalità, si è adatto con De Vrij, formando una coppia molto ben assortita. Inoltre per Pioli, che in passato ha giocato con la difesa a tre, Mauricio sarebbe perfetto perchè ci ha già giocato un anno intero con la Portuguesa, ovviamente squadra che vince non si cambia. Ma se dovesse tornare a tre, può contare sull’esperienza pregressa del centrale brasiliano ex Sporting Lisbona, che ha già ricoperto quel ruolo con ottimi profitti”.

 

Cittaceleste.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy