Tare monitora Matthias Ginter

Tare monitora Matthias Ginter

di FEDERICO TERENZI ROMA – La trattativa che dovrebbe portare Stefan De Vrij alla Lazio questa estate sembra un po’ essersi arenata. Il club del Feyenoord non sembra avere alcuna fretta di chiudere l’operazione perchè sa, dal canto suo, che l’esperienza del Mondiale potrebbe avere un duplice aspetto: da una…

di FEDERICO TERENZI

ROMA – La trattativa che dovrebbe portare Stefan De Vrij alla Lazio questa estate sembra un po’ essersi arenata. Il club del Feyenoord non sembra avere alcuna fretta di chiudere l’operazione perchè sa, dal canto suo, che l’esperienza del Mondiale potrebbe avere un duplice aspetto: da una parte, potrebbe far lievitare il prezzo del suo cartellino, dall’altra invece, se il giocatore dovesse steccare potrebbe avere un effetto boomerang e giocare a favore del club capitolino che potrebbe quindi contrattare sul prezzo al ribasso.

UNO SGUARDO IN BUNDENSLIGATare è un grande conoscitore del calcio tedesco, e guarda sempre con occhio vigile ai talenti provenienti dalla Germania. Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva dalla redazione di cittaceleste.it, sul taccuino del direttore sportivo della Lazio è finito anche Matthias Ginter, difensore di 20 anni in forza al Friburgo e partito con la nazionale tedesca per i Mondiali in Brasile. Il giocatore può fungere da centrale destro e sinistro, ma giocare anche davanti alla difesa, un jolly da circa 10 milioni di euro che sarebbe stato prenotato già dal Borussia Dortmund, ancora in attesa di sapere quale sarà il futuro di Hummels. La concorrenza quindi sarebbe molto ardua per la società capitolina, ma la rifondazione deve ripartire anche da qualche colpo di spessore e con quella linea verde tanto sbandierata dalla società in questi ultimi tempi, chissà che da ambasciatore non possa fungere proprio re Miro Klose suo compagno di nazionale nella spedizione ai Mondiali 2014.

 

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy