Fair Play finanziario? Inter verso la stangata

Fair Play finanziario? Inter verso la stangata

Inter verso la stangata senza plusvalenze a gennaio, Roma riduce perdite

 

L’edizione odierna de Il Tempo si concentra sulla questione Fair Play Finanziario legata a Roma e Inter. A breve, la UEFA tornerà a giudicare, ma la Roma si è molto avvicinata alla promozione totale. Infatti, i ricavi allo scorso 30 giugno sono saliti a circa 214 milioni di euro, con una perdita che si è ridotta da -38 a -14 milioni di euro. Inoltre, il deficit del bienno 2014-2016 è di 52 milioni, contro i 30 imposti dalla UEFA, ma a essi vanno tolte le spese considerate “virtuose”, come gli investimenti sul settore giovanile e i costi per lo stadio. Pallotta, quindi, si aspetta di pagare al massimo l’intera multa da 6 milioni di euro (2 già pagati, altri 4 “congelati”) senza incorrere in ulteriori sanzioni; tutto ciò, a patto che raggiunga il pareggio del bilancio nel 2018. Discorso diverso per l’Inter, il cui vero problema è nell’esercizio in corso. La UEFA impone ai nerazzurri di non realizzare altre perdite da quest’anno, ma l’Inter ha speso molti soldi per il calciomercato (vedi gli acquisti di Joao Mario e Gabigol). Pertanto, o Suning porta sponsor (non correlati alla proprietà) per decine di milioni, o realizza plusvalenze entro giugno 2017, altrimenti la Beneamata rischia un’altra stangata.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy