INCUBO LAZIO – I tifosi della Roma lanciano un ultimatum ai calciatori

INCUBO LAZIO – I tifosi della Roma lanciano un ultimatum ai calciatori

L’umiliazione patita contro la Fiorentina ha provocato qualcosa di mai visto prima tra i tifosi della Roma, con la Curva Sud che abbandona lo stadio nel primo tempo. Ma in realtà era solo la preparazione alla contestazione finale che covava. Già all’intervallo – riporta La Gazzetta dello Sport – molti…

L’umiliazione patita contro la Fiorentina ha provocato qualcosa di mai visto prima tra i tifosi della Roma, con la Curva Sud che abbandona lo stadio nel primo tempo. Ma in realtà era solo la preparazione alla contestazione finale che covava. Già all’intervallo – riporta La Gazzetta dello Sport – molti ultrà erano usciti per provare ad avvicinarsi al cancello da dove escono i calciatori, ma un imponente cordone di polizia li aveva tenuti lontano. Gli striscioni e i cori sono stati tutti un programma: «Mercenari, cambiate mestiere», «Roma s’è rotta er cazzo, a presto…», «Levatevi la maglia», fino all’irridente «Ci vediamo in discoteca». A fine partita, poi, gli ultrà hanno convocato la squadra sotto la curva e i giocatori hanno acconsentito, per evitare guai peggiori, o quantomeno di restare chiusi nello stadio fino a notte. Alla gogna si presentavano De Rossi, De Sanctis, Astori, Pjanic, Iturbe, arrivava anche capitan Totti, senza dimenticare che Nainggolan, in tribuna insieme alla sorella Rjana, era stato bersagliato di critiche (VIDEO).

 

 

 

Assai più duri – riporta ancora La Gazzetta dello Sport – i toni della Curva a fine partita. «Vergognatevi, tirate fuori le palle, siete indegni della maglia che portate». Il tutto con l’invito a togliersi di dosso la maglia, scena che ha ricordato in qualche modo un Genoa-Siena dell’aprile 2012. Non solo. Iturbe è uscito devastato («Non vali tutti i milioni che hanno speso per te»), mentre alla fine delle bottigliette hanno colpito – senza conseguenze – anche De Sanctis e De Rossi. Pjanic, invece, colpito da un accendino, si è allontanato subito. Uno dei messaggi più forti partito dalla Sud, comunque, era riferito all’immediato futuro: «Se la Lazio ci supera nella corsa Champions, siete finiti…». Non basta. A fine serata alcuni tifosi provavano anche ad avvicinarsi di nuovo all’uscita dei calciatori, ma venivano scoraggiati dalle forze dell’ordine, che peraltro a mo’ di prevenzione avevano blindato anche Trigoria. (violanews.com)

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy