Tanti auguri a tutti i lettori di Cittaceleste.it…!

Tanti auguri a tutti i lettori di Cittaceleste.it…!

Di Stefano Benedetti Anche questo 2013, cari amici laziali, se ne sta andando. E’ stato un anno a dir poco schizofrenico, cominciato con una squadra ai vertici della classifica, finito senza allenatore. Il proverbio dice che vivere nella speranza rischia di farci morire nella rassegnazione. Chissà, forse avrà anche ragione,…

Di Stefano Benedetti

Anche questo 2013, cari amici laziali, se ne sta andando. E’ stato un anno a dir poco schizofrenico, cominciato con una squadra ai vertici della classifica, finito senza allenatore. Il proverbio dice che vivere nella speranza rischia di farci morire nella rassegnazione. Chissà, forse avrà anche ragione, ma almeno per quanto mi riguarda, la voglia di rivedere un giro di campo come quello fatto il 14 maggio del 2000 non riesco proprio a farmela passare. Abbasso dunque i proverbi…perlomeno quelli sfigati e cerchiamo di non dimenticare che stiamo parlando di una cosa grande. Di una passione che coinvolge più di un milione di esseri umani. Di un movimento culturale, un modo di vivere, uno stile di vita: la Lazio.Naturalmente in questo anno non dimentico il 26 maggio. Un evento molto nostrano, folk. Ma vedere Totti fare la fila a capo chino in attesa di ricevere la medaglia d’argento…credo non abbia prezzo. E’ stata una gioia grande. Questo è innegabile, ma la mia (mania) voglia di grandezza vorrebbe sentirsela garantita in ogni competizione. Che sia campionato o Europa League. Invece siamo costretti a questa mediocrità che comincia a logorare molti tifosi della Lazio. Tifosi che non riescono a trovare più un buon motivo per andare allo stadio, che non riescono ad avere quell’adrenalina che ci accompagnava quando sapevamo che sul prato verde dell’Olimpico, agli ordini di uno svedese, avremmo visto volteggiare campioni, la stragrande maggioranza stranieri, ma con un attaccamento alla maglia da capogiro. E’ vero c’erano altre disponibilità economiche. Non possiamo trascurare questo aspetto, ma c’era anche tanta voglia di festeggiare. Il centenario, le iniziative extracalcistiche, una comunicazione globale. Mondiale. Chissà se oggi stiamo pagando un prezzo troppo alto per aver offeso le nostre potenzialità. Chissà se non sia davvero questa la nostra realtà. Io continuo a pensare di no. Il laziale vorrebbe vivere la sua lazialità. Magari intervallata dalla vittoria di una coppa Italia, perché no? Magari contro la Roma, perché no? Forse vincere tanto è anche noioso. Comunque eccoci qui, al termine di un 2013 che ci sta per regalare un nuovo allenatore e tante speranze rivolte ad un 2014 ancora tutto da costruire. Da immaginare. Io ho voluto regalarmi questo piccolo spazio per augurare a tutti voi tutto ciò che desiderate. Dalla salute all’armonia. Ma soprattutto tanta serenità. Quella che forse, nella vita di tutti i giorni, stiamo un po’ smarrendo. E’ un momento difficile ma la storia e le vicissitudini hanno sempre creato delle nuove opportunità. Chissà che questa crisi non ci faccia vivere con un pizzico di umanità in più. Che ci faccia apprezzare le piccole cose. Che non ci costringa necessariamente a pensare in grande. Che ci dia più unione e umiltà per farci apprezzare quel tanto che basta quello che ogni giorno ci viene donato. E poi un ringraziamento. Forte, sentito, con le braccia aperte, come quelle del Cristo del Corcovado di Rio De Janeiro, per la grande fiducia che avete riservato a noi di cittaceleste.it in questo 2013. Non avrei mai pensato di poter raggiungere una posizione nella top ten dei siti più visitati in Italia quando ho cominciato questa avventura otto anni fa. Credo che sia stata premiata la professionalità di tutti i ragazzi che fanno parte della mia redazione che hanno messo al primo posto la passione e la disponibilità a qualsiasi altra loro componente di vita. La promessa che vi posso fare, anche a nome loro, è di continuare a metterci lo stesso impegno. La stessa voglia di adesso, per continuare a garantirvi una informazione sulla nostra Lazio sempre più libera…e perdonateci se qualche volta commettiamo qualche errore. Auguri a tutti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy