VERGOGNA POLACCA – La polizia di Varsavia non ci sta: “Noi assaltati, distrutta un auto!”

VERGOGNA POLACCA – La polizia di Varsavia non ci sta: “Noi assaltati, distrutta un auto!”

Giustamentente il vento di polemica intorno al trattamento dei tifosi della Lazio a Varsavia non si attenua. Poco interesse, però, intorno ad una vicenda scabrosa per cui la polizia polacca ha deciso anche di rispondere attraverso un comunicato. Parole forti contro i tifosi biancocelesti, accusati di essere tutt’altro che tranquilli…

Giustamentente il vento di polemica intorno al trattamento dei tifosi della Lazio a Varsavia non si attenua. Poco interesse, però, intorno ad una vicenda scabrosa per cui la polizia polacca ha deciso anche di rispondere attraverso un comunicato. Parole forti contro i tifosi biancocelesti, accusati di essere tutt’altro che tranquilli nel loro soggiorno nella capitale:

 

“Complessivamente abbiamo arrestato 153 italiani, 9 polacchi, 2 danesi, 2 britannici, 2 cechi e 2 albanesi. Il primo arresto è avvenuto Mercoledì davanti ad uno degli alberghi di Varsavia. 17 persone sono state fermate per tumulti. Di queste, 7 sono state multate di 3400zl, altre 10 diffidate. 150 persone sono invece state arrestate al centro il giorno dopo. Ognuna di esse è stata fermata e giudicata individualmente. Alla fine per 5 persone è stata rinviata la data del processo mentre 14 sono stati prosciolti. Altri sono stati rilasciati su cauzione con multe da 400$ a 3000$, e 3 sono stati arrestati con la condanna di 2 anni di reclusione con la condizionale. Tutto è avvenuto intorno alle ore 16.00 quando alcuni di questi teppisti hanno attaccato un gruppo di poliziotti. Ci hanno lapidato con sassi ed assaltato con pali, e cestini dell’immondizia. Per non farsi identificare si sono coperti completamente la faccia con i passamontagna e ci hanno distrutto anche un auto”. Nessun dettaglio ulteriore sui fermi di Mercoledì sera davanti l’albergo. CLICCA QUI PER LEGGERE IL VIDEO.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy