PUNIZIONE – La frase incriminata di Candreva

PUNIZIONE – La frase incriminata di Candreva

ROMA – Lo ha confidato a chi gli sta vicino, Candreva c’è rimasto parecchio male per il cambio di Pioli a Verona: “Aveva iniziato bene, poi si stava lentamente spegnendo e alla squadra serviva più brillantezza”. Spiegazione poco convincente. Perché Candreva aveva sfornato ben 3 passaggi da gol (per Djorjdevic,…

ROMA – Lo ha confidato a chi gli sta vicino, Candreva c’è rimasto parecchio male per il cambio di Pioli a Verona: “Aveva iniziato bene, poi si stava lentamente spegnendo e alla squadra serviva più brillantezza”. Spiegazione poco convincente. Perché Candreva aveva sfornato ben 3 passaggi da gol (per Djorjdevic, Mauri e Parolo) sino al sessantusimo. Quel numero 87 sulla lavagnetta luminosa del quarto uomo è sembratya una lettera scarlatta. Antonio, nervoso, avrebbe detto qualche parola di troppo nello spogliatoio e in campo ai compagni: «Qui devo fare tutto io…». Così è stato punito. Pioli e la società avevano chiesto all’esterno d’essere un trascinatore, vogliono far diventare leader chi non è nato tale. Candreva tuttavia è un estroso furetto, ma non ha certo l’anima da capobranco. Così ha recepito male la lezione. Essere leader non significa urlare ai compagni.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy