Difesa stile Horror: Novaretti protagonista

Difesa stile Horror: Novaretti protagonista

ROMA – Ormai sembra diventare una barzelletta. Edy Reja schiera undici giocatori, ma a fine partita ne escono sempre meno. I biancocelesti hanno fatto l’abbonamento al cartellino rosso eppure non sembra questo il vero motivo dei fallimenti negli scontri diretti. C’è qualcosa che preoccupa molto più delle espulsioni, ovvero, la…

di redazionecittaceleste

ROMA – Ormai sembra diventare una barzelletta. Edy Reja schiera undici giocatori, ma a fine partita ne escono sempre meno. I biancocelesti hanno fatto l’abbonamento al cartellino rosso eppure non sembra questo il vero motivo dei fallimenti negli scontri diretti. C’è qualcosa che preoccupa molto più delle espulsioni, ovvero, la difesa. Reparto arretrato completamente allo sbando con Luis Pedro Cavanda che ha ormai perso la fiducia dei tifosi quasi quanto Konko che ormai gioca a fasi alterne un po come Miroslav Klose. Novaretti ha ormai intimorito il pubblico con i svariati errori che hanno messo più volte in difficoltà l’intera squadra e Ciani ha ormai il suo posto di fiducia in panchina. Da cancellare la prestazione contro il Napoli e fatali le distrazioni sui gol del Torino. Marcature che saltano, tempi sbagliati e retropassaggi da film horror. Sembra strano ma ora a guidare la difesa, oltre Radu, è rimasto il buon vecchio Beppe Biava. Criticato per l’età e colpito dallo scetticismo quando si parla di rinnovo: eppure è l’unico ad uscire sempre con la sufficienza in pagella. Senza di lui l’ansia sale eppure il trentasettenne è anche l’unico a stringere i denti nonostante gli acciacchi. Gallina vecchia fa buon brodo e, in questo momento, non rimane che aggrapparsi alla sua esperienza.

Gabriele Gerini

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy