“E questo chi è?”

“E questo chi è?”

Tutto finisce in una bolla di sapone scoppiata troppo facilmente e si ritorna, ancora una volta, a sperare in quel mercato che poi finisce per lasciare l’amaro in bocca come ogni anno. Intanto, tra obiettivi mancati e partite che sfidano l’insonnia, si tirano le somme non solo della squadra ma…

Tutto finisce in una bolla di sapone scoppiata troppo facilmente e si ritorna, ancora una volta, a sperare in quel mercato che poi finisce per lasciare l’amaro in bocca come ogni anno. Intanto, tra obiettivi mancati e partite che sfidano l’insonnia, si tirano le somme non solo della squadra ma di quegli acquisti che, vedendo sfilare in panchina, strappano un misterioso “e questo chi è?” o addirittura rimangono nell’ombra per l’intero spezzone di stagione. Alzi la mano chi sarebbe in grado di riconoscere, per strada, uno tra Kakuta e Postiga.

 

Forse, se si è assidui frequentatori della clinica Paideia, il secondo, lo si può scartare, ma rimane da risolvere il primo emblematico caso. Perchè Felipe Anderson, nonostante qualche momento buio è anche sceso in campo e accanto a lui Perea o Pereirinha. Ma di Kakuta, probabilmente, a fine stagione rimarrà solamente il tweet di saluti rivolto ad una tifoseria che continua a chiedersi “e questo chi è?”.

cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy