FM LAZIO LIVE – La Nord: “Facciamo mea culpa”

FM LAZIO LIVE – La Nord: “Facciamo mea culpa”

Tutti gli aggiornamenti in tempo reale. Le VOCI dall’etere romano biancoceleste di martedì 22 aprile 2014. Che cosa dicono in radio? Il tutto riassunto in un click!*seguono aggiornamenti Radio Sei, La Curva Nord: “Facciamo mea culpa per quanto riguarda Ponte Milvio, c’era veramente poca gente. Abbiamo provato ad avere tutte…

Tutti gli aggiornamenti in tempo reale. Le VOCI dall’etere romano biancoceleste di martedì 22 aprile 2014. Che cosa dicono in radio? Il tutto riassunto in un click!

*seguono aggiornamenti

Radio Sei, La Curva Nord: “Facciamo mea culpa per quanto riguarda Ponte Milvio, c’era veramente poca gente. Abbiamo provato ad avere tutte le autorizzazioni necessarie per il maxi schermo e per la radio, ma non c’era proprio il tempo tecnico per ottenerle. Ora giovedì avremo una riunione al solito posto, dove invitiamo tutti gli appartenenti al gruppo a venire. Certo c’era anche la pioggia e le feste pasquali che non hanno aiutato, ma non deve essere una giustificazione, facciamo assolutamente mea culpa su questo. Reja? E’ un allenatore mediocre che sposta l’attenzione sulla contestazione, senza pensare ai suoi ragazzi che sono stati espulsi in 4 occasioni nelle ultime 5 partite. Questo significa che la squadra non c’è dal punto di vista mentale. Certo, se Reja non dovesse rimanere sulla panchina della Lazio, non è detto che arrivi un allenatore migliore, con questa dirigenza c’è da aspettarsi di peggio.

Radio Manà Manà Sport, Vincenzo D’Amico: “Keita ha grandi potenzialità, ma deve ancora dimostrare tutto. Di conseguenza ci andrei davvero piano con i giudizi. Sabato pomeriggio ho visto degli errori difensivi davvero incredibili. Ho notato un Cavanda a dir poco in difficoltà. Un calciatore che non gioca da tre mesi non può permettersi di scendere in campo con quell’atteggiamento. Lo stesso Radu sta attraversando un periodo di profonda crisi. In questa Lazio, composta da giocatori mediocri, il romeno passa per un fenomeno, ma in realtà si tratta di un buon giocatore e nulla più“.

Radio Manà Manà Sport, Gabriele De Bari: ” E’ normale che Reja, pur di diventare allenatore della Lazio, ha accettato le condizioni imposte dalla società. Le sue dichiarazioni rispecchiano dunque il volere della società. Il suo ruolo è tra l’allenatore ed il dirigente.La Lazio, dal punto di vista difensivo, va totalmente rifondata. Non puoi assolutamente pensare che Novaretti, Ciani e Cana, siano i difensori del futuro. Oltre a questo, alla Lazio manca assolutamente un centravanti”.

Radio Manà Manà Sport, Gabriele La Porta: “Se fosse necessario andare in serie B, pur di liberarci di Lotito, probabilmente accetterei. Si tratterebbe di uno sforzo enorme, ma che, avendo vissuto tanti anni una Lazio in serie b, non mi spaventerebbe affatto“.

Radiosei, De Angelis: “Essere in Europa League vuol dire VIVERE e non vivacchiare. Mi ha dato l’impressione che questa squadra non abbia la volontà di partecipare al palcoscenico europeo. Qualcuno si deve dimmettere, con Lotito la vedo dura. Ma il Presidente dovrebbe mettere da parte qualche personaggio. E soprattutto..la tifoseria. Non ci attacchiamo gli uni con gli altri. Tra di noi non facciamoci la guerra, perchè si fa il gioco di qualcun altro. Il tutto contro tutti non serve. C’è bisogno di forze unite. E a proposito di mercato…Helder Postiga? Uno così nemmeno la Juve Stabia l’avrebbe preso (società organizzata…).

RadioRadio, Benedetti: “Il problema grave è la difesa. In queste partite abbiamo visto tanti errori. Troppa differenza, Higuain ha scherzato con Novaretti e con il Torino, altri svarioni dettati da cattivi piazzamenti. Con giocatori diversi, moloto probabilmente non avrebbe preso tutti questi gol, senza scomodorare Barzagli, Bonucci e Chiellini. Il futuro di Reja. Reja è l’allenatore perfetto per la Lazio. “Con la pipa in bocca…” zona di stallo, senza grandi cose….. sesto, settimo posto…”

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy